Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Angola, espulsi 180mila migranti originari del Congo. I testimoni: “Decine di morti”

Immagine di copertina
Cittadini originari del Congo in fuga dall'Angola. Credits: AFP/Sosthene Kambidi

Dal 1 ottobre sono stati costretti a lasciare il paese dall'esercito angolano e ora si sono rifugiati nelle città e nei villaggi di confine

Dal 1 ottobre 2018 il governo dell’Angola ha espulso circa 180 mila cittadini congolesi che si erano trasferiti nel vicino stato africano. Lo ha riferito l’Alto commissariato per i rifugiati (Acnur), spiegando che decine di migliaia di persone sono state allontanate dalle autorità angolane perché considerate non in regola con i documenti.

I cittadini della Repubblica democratica del Congo sono scappati dal nord-est dell’Angola per tornare nel loro paese d’origine, sotto le minacce del governo angolano che ha fatto intervenire l’esercito e le forze di sicurezza.

Per la maggior parte si tratta di piccoli cercatori di diamanti, schiacciati dalle riforme del governo di Luanda per aumentare le entrate dello Stato e ridurre l’attività mineraria illegale. Tra loro molti giovani, ma anche donne con bambini.

Migliaia di persone in fuga si sono viste confiscare le proprietà e hanno dovuto lasciare tutto ciò che avevano.

Secondo la Reuters, che ha raccolto alcune testimonianze sul posto, nella città di Lucapa le truppe angolane avrebbero ucciso decine di persone e bruciato le case.

Centottantamila persone hanno quindi riattraversato il confine, fermandosi nelle città e nei piccoli villaggi di frontiera, come Kamako.

Secondo le Ong locali c’è un rischio elevato di epidemie per l’inadeguatezza dei servizi igienici e l’assenza delle strutture necessarie.

Le autorità angolane hanno negato l’uso della forza, affermando di aver preso dei provvedimenti per l’espulsione dal paese degli stranieri che sono in condizioni di irregolarità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / La donna che sfida i talebani: “Mentre tutti scappano dall’Afghanistan, io ho scelto di rimanere per lottare”
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli