Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Amazon, dipendenti cancellavano recensioni negative in cambio di tangenti: Bezos apre un’indagine

Immagine di copertina
Credit: Afp

In particolare in Cina, alcuni lavoratori avrebbero accettato tangenti per cancellare commenti negativi di utenti insoddisfatti

Amazon ha avviato un’indagine interna per accertare se alcuni dei suoi dipendenti siano stati corrotti da alcuni rivenditori per cancellare commenti negativi o inoltrare indirizzi mail degli utenti insoddisfatti. Ad annunciare la notizia è stato il Wall Street Journal e Amazon ha confermato.

Per l’edizione domenicale della testata americana, alcuni dipendenti avrebbero offerto dati confidenziali sui clienti in cambio di denaro. Secondo quanto ricostruito, alcuni lavoratori di Amazon sono stati contattati da intermediari e, dietro pagamento, hanno fornito informazioni riservate sui clienti e sulle vendite. Hanno anche cancellato recensioni negative.

La pratica risulta diffusa soprattutto in Cina, dove sarebbero stati pagati fino a 300 dollari per ogni commento negativo cancellato, ma Jeff Bezos, il patron di Amazon, ha avvitato un’indagine più ampia. Proprio nella Repubblica popolare, scrive il WSJ, il settore delle vendite online cresce in modo esponenziale ma il salario degli impiegati rimane molto basso.

Il canale usato per fare transitare richieste e dati sarebbe WeChat, uno dei sistema di messaggistica istantanea più usati in Cina, utilizzato dagli intermediari per trovare dipendenti accondiscendenti cui offrire fino a 300 dollari americani per ogni recensione cancellata.

Si tratta di condotte proibite dalla compagnia, che ha spiegato come “ogni dipendente abbia un codice etico da rispettare”.

“Chiunque contravvenga alle nostre regole va incontro a punizione, tra le quali il licenziamento e potenziali sanzioni legali e penali”, ha detto un portavoce di Amazon. “Ci sarebbero conseguenze non solo per i corrotti ma anche per i corruttori. La società ha assicurato che, se dovesse individuare i colpevoli, avrà tolleranza zero e intraprenderà azioni tempestive”, come l’adozione di procedimenti legali.

Il canale usato per fare transitare richieste e dati sarebbe WeChat, uno dei sistema di messaggistica istantanea più usati in Cina, utilizzato dagli intermediari per trovare dipendenti accondiscendenti cui offrire un pagamento in dollari americani per ogni recensione cancellata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Montenegro, spara sulla folla e fa 11 morti
Esteri / Trump indagato dall’Fbi per spionaggio: “Trovate 20 scatole di documenti top secret”
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York: “Rischia di perdere un occhio”
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post