Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Il post di Amanda Knox sulla “cena con delitto” fa infuriare il web

La 31enne statunitense su Instagram scatena la polemica

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 1 Mar. 2019 alle 18:44 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:32
12
Immagine di copertina
Amanda Knox e il fidanzato Christopher Robinson. Credit: Instagram/Amanda Knox

Amanda Knox torna a far parlare di sé. E ancora un volta la 31enne di Seattle si attira le polemiche di tanti per due foto postate sul suo profilo Instagram. Nelle immagini si vede Amanda insieme al fidanzato Christopher Robinson e a un gruppo di amici alle prese con un “murder misyery party”, ovvero a una cena con delitto, in cui gli ospiti sono chiamati a risolvere un giallo.

Accanto alle due foto, la ragazza – accusata e poi assolta per l’omicidio di Meredith Kercher – scrive: “Londra Vittoriana: un quadro di inestimabile valore è sparito e il proprietario è stato trovato avvelenato e pugnalato”.

Insomma, un post decisamente di cattivo gusto, quello di Amanda, che nelle immagini è travestita dalla contessa di Lovelace, accusata dell’omicidio di un gallerista. A peggiorare la già pessima situazione, c’è il fatto che nella parte conclusiva del post, Amanda Knox fa esplicito riferimento ai fatti di Perugia: “E non ci crederete, io, la Contessa di Lovelace, sono accusata del delitto. Assolta dopo 4 ore. Sempre meglio che dopo 4 anni”.

Per l’omicidio di Meredith Kercher Amanda Knox è stata assolta dopo quattro anni, appunto. Era il 1 novembre del 2007 quando il corpo senza vita della coinquilina di Amanda veniva ritrovato nella villetta di via della Pergola a Perugia. Per l’omicidio della 21enne fu accusata proprio lei, insieme al suo fidanzato di allora, Raffaele Sollecito. Poi arrivò l’assoluzione.

Sui social non tutti hanno gradito l’umorismo di Amanda Knox: “Sei sempre accusata ingiustamente, vero?”, scrive qualcuno. “Qualsiasi cosa per attirare l’attenzione”, si legge in un altro. “Questa merda non ha senso”, scrive un altro. In tanti però difendono la 31enne statunitense: “Alla ragazza è concesso di avere questo dark humor. L’unico modo per rimanere sani è ridere di se stessi”. E ancora: “Tieni la testa alta, sei stata accusata e incarcerata ingiustamente”.

LEGGI ANCHE: La villetta in cui fu uccisa Meredith Kercher potrebbe diventare un b&b con “museo del crimine”

12
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.