Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Almeno 31 morti in un naufragio al largo delle coste libiche

Immagine di copertina
Credit: Afp

Secondo un portavoce della Marina libica il bilancio delle vittime “è destinato a crescere.” I sopravvissuti sono stati trasportati al porto di Tripoli

Almeno 31 persone sono morte in un naufragio al largo delle coste libiche occidentali. Tra le vittime ci sono anche alcuni minori.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo Ayub Ghasem, portavoce della Marina libica intervistato dall’agenzia Ansa, il bilancio delle vittime “è destinato a crescere”, con diversi corpi già individuati in mare. La Guardia costiera ha detto che 200 sopravvissuti sono stati riportati al porto di Tripoli.

La Libia è il principale porto di partenza per i migranti africani che partono per raggiungere l’Europa, costretti ad attraversare il Mediterraneo a bordo di imbarcazioni o gommoni scadenti e pericolosi.

Molti individui vengono tratti in salvo nel corso di operazioni di recupero e trasportati in Italia, dove dall’inizio dell’anno sono arrivati 115mila migranti, nonostante l’aumento delle imbarcazioni intercettate e riportate nel nord Africa dalla Guardia costiera libica con il supporto dell’Europa.

Il numero dei migranti arrivati in Italia via mare è in calo da luglio, ma ha conosciuto un nuovo slancio nel corso di questa settimana.

Dall’inizio del 2017 quasi tremila persone sono morte o date per disperse mentre attraversavano il Mediterraneo per raggiungere l’Europa. Per l’IOM (Organizzazione internazionale per le migrazioni) da quasi 20 anni il tratto di mare tra Libia e Italia rappresenta “la zona di confine più pericolosa e mortale del mondo.”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare