Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Alibaba contro Trump: salta la promessa del milione di posti di lavoro negli Stati Uniti

Immagine di copertina
Credit: Afp

La decisione presa dal guru cinese dell'high tech è dovuta "alla guerra commerciale tra Washington e Pechino"

Alibaba ci ripensa: Jack Ma, il fondatore del gigante dell’e-commerce, cambia idea e fa saltare la promessa del milione di posti di lavoro negli Stati Uniti, cui aveva fatto riferimento l’anno scorso durante un incontro con il presidente americano Donald Trump.

L’ambizioso progetto, ha annunciato il patron in un’intervista diffusa dalla Cina, è “stato messo in crisi dalla guerra commerciale tra Washington e Pechino”. Per il magnate cinese, ci si devono aspettare 20 anni di guerra fredda tra Cina e Usa per i dazi “perché la situazione non è buona e questo clima durerà a lungo”.

Il fondatore di Alibaba ha raccontato all’agenzia di stampa ufficiale Xinhua che la sua promessa era stata fatta sulla base della cooperazione e della crescita commerciale tra Stati Uniti e Cina, e che ora è difficile da soddisfare.

“Lo stato attuale delle cose ha già distrutto la premessa su cui era stata fatta la promessa”, ha spiegato il miliardario cinese che a inizio mese aveva annunciato il suo pensionamento anticipato e che a sostituirlo sarà il suo braccio destro Daniel Zhang”.

“Non c’è modo di mantenere la promessa ma non fermeremo il nostro duro lavoro per promuovere il sano sviluppo del commercio Cina-Usa”. Del resto l’audace annuncio del gennaio 2017 era già stato accolto con scetticismo dagli analisti che avevano definivto la scelta come una strategia pubblicitaria.

Ha poi aggiunto: “Il commercio non è un’arma e non dovrebbe essere usato per cominciare le guerre, ma dovrebbe essere un fattore chiave per la pace”.

Dopo l’incontro del gennaio 2017, avvenuto prima che Trump si insediasse alla Casa Bianca, il tycoon aveva dichiarato: “Io e Jack faremo grandi cose”. Ora il guru dell’hitech cinese ha ritirato tutto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Rinviati senza motivo i colloqui sui controlli agli armamenti nucleari”: l’accusa degli Usa alla Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia contro il Papa: “È perversione”
Esteri / L’ambasciatrice Usa alla Nato: “Dichiarare la Russia sponsor del terrorismo potrebbe essere controproducente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Rinviati senza motivo i colloqui sui controlli agli armamenti nucleari”: l’accusa degli Usa alla Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia contro il Papa: “È perversione”
Esteri / L’ambasciatrice Usa alla Nato: “Dichiarare la Russia sponsor del terrorismo potrebbe essere controproducente”
Esteri / Nasce CRO Cyber Rights Organization con sede all’Aja: ai vertici due giovani italiane
Esteri / I proiettili usati per reprimere le manifestazioni in Iran sono prodotti da un’azienda italo-francese
Esteri / Uccide il compagno con una coltellata e rivela l’omicidio su Facebook cambiando lo status in “vedova”
Esteri / “Harry aspetta un figlio dalla sua amante”: lo scoop che fa tremare il principe
Esteri / Le artiste iraniane sfidano il regime mostrandosi senza velo
Esteri / Foto hot su Onlyfans: poliziotta di Scotland Yard sospesa dal servizio
Esteri / Spagna, la destra di Vox in piazza contro Sánchez: “Governa contro il popolo, dimissioni subito”