Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Alibaba contro Trump: salta la promessa del milione di posti di lavoro negli Stati Uniti

Immagine di copertina
Credit: Afp

La decisione presa dal guru cinese dell'high tech è dovuta "alla guerra commerciale tra Washington e Pechino"

Alibaba ci ripensa: Jack Ma, il fondatore del gigante dell’e-commerce, cambia idea e fa saltare la promessa del milione di posti di lavoro negli Stati Uniti, cui aveva fatto riferimento l’anno scorso durante un incontro con il presidente americano Donald Trump.

L’ambizioso progetto, ha annunciato il patron in un’intervista diffusa dalla Cina, è “stato messo in crisi dalla guerra commerciale tra Washington e Pechino”. Per il magnate cinese, ci si devono aspettare 20 anni di guerra fredda tra Cina e Usa per i dazi “perché la situazione non è buona e questo clima durerà a lungo”.

Il fondatore di Alibaba ha raccontato all’agenzia di stampa ufficiale Xinhua che la sua promessa era stata fatta sulla base della cooperazione e della crescita commerciale tra Stati Uniti e Cina, e che ora è difficile da soddisfare.

“Lo stato attuale delle cose ha già distrutto la premessa su cui era stata fatta la promessa”, ha spiegato il miliardario cinese che a inizio mese aveva annunciato il suo pensionamento anticipato e che a sostituirlo sarà il suo braccio destro Daniel Zhang”.

“Non c’è modo di mantenere la promessa ma non fermeremo il nostro duro lavoro per promuovere il sano sviluppo del commercio Cina-Usa”. Del resto l’audace annuncio del gennaio 2017 era già stato accolto con scetticismo dagli analisti che avevano definivto la scelta come una strategia pubblicitaria.

Ha poi aggiunto: “Il commercio non è un’arma e non dovrebbe essere usato per cominciare le guerre, ma dovrebbe essere un fattore chiave per la pace”.

Dopo l’incontro del gennaio 2017, avvenuto prima che Trump si insediasse alla Casa Bianca, il tycoon aveva dichiarato: “Io e Jack faremo grandi cose”. Ora il guru dell’hitech cinese ha ritirato tutto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO