Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il giornalista turco Ahmet Altan è stato condannato all’ergastolo: “In gabbia c’è il corpo, non la mente”

Immagine di copertina
Credit: Afp

L'ex direttore del quotidiano Taraf, sospettato di avere favorito il colpo di stato del luglio 2016, è stato condannato insieme ad altre cinque persone, compreso suo fratello Mehmet, economista e intellettuale

La corte d’appello di Istanbul ha confermato la condanna all’ergastolo per il giornalista Ahmet Altan.

L’ex direttore del quotidiano Taraf, sospettato di avere favorito il colpo di stato del luglio 2016, è stato condannato insieme ad altre cinque persone, compreso suo fratello Mehmet, economista e intellettuale. Tutti sono accusati di avere dato sostegno ideologico ai golpsiti di Fetullah Gulen, ritenuto la mente del golpe fallito in Turchia, e di avere tentato di rovesciare l’ordine costituzionale.

Dal carcere, Ahmet Altan ha continuato a scrivere: si è sempre detto un uomo libero perchè a essere imprigionata non era la sua mente ma solo il suo corpo. In prigione ha scritto tre volumi e ha rilasciato interviste.

“Ho amici in tutto il mondo che mi aiutano a viaggiare, anche se non ho mai la maggior parte di loro. So di essere uno schizofrenico finché tutte queste persone abitano solo nella mia testa. Ma so anche che sono uno scrittore e che un giorno tutti si ritroveranno tra le pagine di un libro”, scriveva.

“Sono uno scrittore. Ovunque voi mi chiuderete, io viaggerò per il mondo sulle ali dei miei pensieri”.

Lo scorso 28 febbraio, ad Ahmet Altan, era stata inflitta una nuova condanna a cinque anni e 11 mesi di carcere per “offese” al presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

“A parte qualche mio articolo e un’unica apparizione in tv, l’imputazione di golpismo nei nostri riguardi si basa sulla seguente asserzione: si ritiene che noi conoscessimo gli uomini accusati di conoscere gli uomini accusati di essere a capo del colpo di stato”, ha spiegato lo scrittore.

A luglio 2016, in Turchia è stato imposto lo stato di emergenza, che ha favorito limitazioni illeggitime dei diritti umani e ha permesso al di approvare leggi senza il vaglio effettivo del parlamento e dei tribunali.

Oltre 50mila persone sono state trattenute in custodia preventiva con l’accusa di appartenere all’organizzazione terroristica Fethullah Gülen, che le autorità ritenevano responsabile del tentato colpo di stato.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Centrale nucleare di Zaporizhzhia, Putin firma il decreto: “È di proprietà russa”
Esteri / La grande fuga dalla Russia di Putin: “Non moriremo per Vlad il matto”
Esteri / Cremlino: “Gli Stati Uniti sono coinvolti direttamente nel conflitto, situazione estremamente pericolosa”
Esteri / La Slovenia legalizza matrimonio ed adozione per le coppie omosessuali
Esteri / Approvato nuovo pacchetto di sanzioni Ue alla Russia, incluso price cap al petrolio
Esteri / Gas dalla Russia all’Italia: ripresi i flussi attraverso l’Austria
Esteri / La gaffe del generale russo: per errore svela sulla mappa l’avanzata della controffensiva ucraina
Esteri / Von Der Leyen: “Pronti a discutere un tetto al prezzo del gas utilizzato per generare elettricità”
Esteri / Guerra in Ucraina, camera delle torture a Pisky-Radkivski: rinvenuti denti d’oro. Le foto shock
Esteri / Corea del Sud, esercitazioni con gli Usa: lanciati 4 missili sul Mar del Giappone. Uno si schianta al suolo