Covid ultime 24h
casi +11.629
deceduti +299
tamponi +216.211
terapie intensive +14

Nuovo caso George Floyd: il video shock di un afroamericano morto durante il fermo della polizia in Texas

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 9 Giu. 2020 alle 17:13 Aggiornato il 9 Giu. 2020 alle 18:54
215

Il video shock dell’afroamericano ucciso a Austin durante il fermo della polizia

Un altro video shock, un altro afroamericano che viene arrestato, immobilizzato con violenza, che dice “non respiro, non respiro” senza essere ascoltato, e poi muore sotto gli occhi della polizia. È successo il 28 marzo 2019 ad Austin, in Texas, ma le immagini, girate dalla body cam di uno dei poliziotti, sono state diffuse solo oggi su Youtube da diversi media, tra cui l’Austin American-Statesman, il principale quotidiano della città texana. E, probabilmente, inaspriranno ancor più la tensione che si respira in Usa da ormai due settimane, da quando cioè il 46enne afroamericano George Floyd è stato soffocato da un agente a Minneapolis e il video dell’uccisione ha fatto il giro degli Stati Uniti, provocando rabbia e indignazione. Ma le scene che riprendono l’arresto e la morte di Javier Ambler, sono, se possibile, ancora più terrificanti di quelle della morte George Floyd.

Nel video, si vede la polizia bloccare Ambler dopo che l’uomo non aveva risposto al loro stop e non aveva fermato l’auto. La macchina finisce contro un albero, l’afroamericano esce a braccia alzate, ma viene immobilizzato e messo a terra, poi ammanettato. Ambler dice “non respiro, non respiro”, un agente gli ribatte: “Non fare resistenza”. E lui: “Non faccio resistenza, non riesco a respirare, ho avuto un problema cardiaco”. “Signor agente”, implora.. Ma gli agenti gli stanno sopra e gli urlano di ubbidire, sottoponendolo alla pistola taser. Poi, all’improvviso, l’afroamericano non dà più segni di vita. Le immagini mostrano, in primo piano, un agente sollevargli la palpebra dell’occhio, che non mostra segni di vita. Gli tolgono le manette, provano a fargli la respirazione artificiale, ma è inutile. Ambler è morto più di un anno fa, senza che nessuno sapesse come era davvero andata. Fino a oggi, con la diffusione del video.

Leggi anche: 1. George Floyd, giudice fissa la cauzione per il rilascio del poliziotto Derek Chauvin a 1,25 milioni di dollari 2. George Floyd, Minneapolis smantella il dipartimento di polizia: “Vogliamo un nuovo modello di sicurezza” 3. Si sposano in mezzo alla protesta per George Floyd a Philadelphia: “È stato ancora più memorabile” 4. Banksy e l’omaggio a George Floyd: “Il razzismo è un problema dei bianchi”

215
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.