Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I colloqui di pace sulla Siria potrebbero essere rinviati

Immagine di copertina

I negoziati tra il governo e i gruppi di ribelli che si oppongono al presidente siriano Assad sarebbero dovuti iniziare lunedì 25 gennaio

I colloqui di pace per arrivare a un accordo che ponga fine alla guerra civile che va avanti da oltre 5 anni in Siria rischiano di essere rinviati.

Sarebbero dovuti iniziare lunedì 25 gennaio 2016, ma non si è ancora trovato un accordo su quale sia il gruppo di ribelli siriani che debba partecipare all’incontro, principalmente per via della complessa composizione della società civile in Siria.

Il vertice è molto atteso perché sarebbe la prima volta che il governo del presidente siriano Bashar al-Assad e i gruppi di ribelli all’opposizione si siedono ufficialmente attorno a un tavolo con il consenso delle forze occidentali.

La notizia del possibile rinvio è stata diffusa dall’inviato delle Nazioni Unite per la Siria, Staffan de Mistura, dopo un incontro a Zurigo tra il Segretario di stato degli Stati Uniti, John Kerry, e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

“Credo che i colloqui possano iniziare, forse non il 25, ma dobbiamo mantenere la pressione”, ha detto de Mistura riferendosi alla necessità di non vedere vanificati gli sforzi fatti finora.

Il principale problema rimane quello di individuare i gruppi dell’opposizione da invitare ai colloqui. Le potenze internazionali sostenitrici dei negoziati – tra cui Stati Uniti, Russia, Iran e Arabia Saudita – non hanno ancora trovato un accordo in questo senso.

In particolare hanno destato perplessità i tentativi compiuti dall’Arabia Saudita nel cercare di convocare alcuni gruppi d’opposizione, tra cui – secondo quanto messo in evidenza dal ministro degli Esteri iraniani – anche dieci esponenti di al-Qaeda.

Russia e Stati Uniti in ogni caso sono intenzionati a non spostare i colloqui a febbraio.

“Non abbiamo intenzione di rinviare i colloqui da gennaio a febbraio. Questa è la posizione della Russia e degli Stati Uniti, e siamo fiduciosi che nei prossimi giorni, nel mese di gennaio, questi colloqui inizieranno”, ha detto il ministro degli Esteri russo Lavrov.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa