Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Spunta la tassa Covid negli scontrini: aumenti da 2 a 4 euro

Immagine di copertina

Spunta la tassa Covid negli scontrini: aumenti da 2 a 4 euro

La riapertura di negozi, bar, ristoranti e parrucchieri è uno dei segnali più tangibili della lenta ripresa che l’Italia sta affrontando oltre a rappresentare un toccasana per l’economia del Paese duramente colpita dai due mesi di lockdown per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Eppure in questi primi giorni in molti hanno notato un aumento dei prezzi (circa il 25% in più denuncia il Codacons), perché i commercianti devono far fronte alla continua sanificazione dei locali o devono utilizzare oggetti monouso.

Spese in più che inevitabilmente finiscono per ricadere sul cliente. Sempre secondo il Codacons, si tratta di una vera e propria “tassa Covid”, riportata anche sullo scontrino, con un surplus dai 2 ai 4 euro per contribuire alla spese di sanificazione e messa in sicurezza dei locali. Secondo l’associazione per la tutela dei consumatori, inoltre, alcuni estetisti impongono, per l’emergenza Covid, “kit obbligatori da indossare a un costo extra di 10 euro a carico del cliente”.

tassa covid

Anche l’Unione nazionale consumatori riscontra la presenza in molti casi di questa tassa Covid: “Si tratta di una sorta di tassa di sanificazione applicata da parrucchieri, estetisti e alcuni dentisti – spiega il presidente Massimiliano Dona -, una prassi scorretta che si sottrae forse anche da un punto di vista fiscale alla somma dovuta al consumatore”.

Giù nei giorni scorsi, d’altronde, molti cittadini si erano lamentati per l’aumento del costo del caffè, che in molti posti ha superato l’1,20 euro, o della lievitazione dei prezzi dal proprio parrucchiere. “Stiamo ricevendo decine di segnalazioni sugli incrementi dei listini dei parrucchieri”, segnala infatti il Codacons, secondo cui il prezzo di un taglio è passato da una media di 20 a 25 euro (+25%), ma con punte di incremento che arrivano al +66%.

Leggi anche: 1. Fase 2, aumentano i prezzi di bar, parrucchieri e alimentari. A Milano fino a 2 euro per un caffè / 2. Zaia spiega alla Lombardia come potrebbe fare i tamponi risparmiando / 3. Autoritarismo, feeling con Salvini e dubbi sulla sperimentazione: chi è davvero Giuseppe De Donno (di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens
Economia / Stellantis: tagli in Italia, assunzioni in Francia
Economia / Accordo sulla Global Tax: dal 2023 imposta minima del 15% alle multinazionali
Lavoro / Il data scientist è entrato nel cuore delle aziende
Economia / La nuova Ita? Lavoratori massacrati, manager Alitalia confermati
Economia / Come si richiede lo SPID? I documenti necessari e l’iter da seguire