Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Spunta la tassa Covid negli scontrini: aumenti da 2 a 4 euro

Immagine di copertina

Spunta la tassa Covid negli scontrini: aumenti da 2 a 4 euro

La riapertura di negozi, bar, ristoranti e parrucchieri è uno dei segnali più tangibili della lenta ripresa che l’Italia sta affrontando oltre a rappresentare un toccasana per l’economia del Paese duramente colpita dai due mesi di lockdown per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Eppure in questi primi giorni in molti hanno notato un aumento dei prezzi (circa il 25% in più denuncia il Codacons), perché i commercianti devono far fronte alla continua sanificazione dei locali o devono utilizzare oggetti monouso.

 

 

Spese in più che inevitabilmente finiscono per ricadere sul cliente. Sempre secondo il Codacons, si tratta di una vera e propria “tassa Covid”, riportata anche sullo scontrino, con un surplus dai 2 ai 4 euro per contribuire alla spese di sanificazione e messa in sicurezza dei locali. Secondo l’associazione per la tutela dei consumatori, inoltre, alcuni estetisti impongono, per l’emergenza Covid, “kit obbligatori da indossare a un costo extra di 10 euro a carico del cliente”.

tassa covid

Anche l’Unione nazionale consumatori riscontra la presenza in molti casi di questa tassa Covid: “Si tratta di una sorta di tassa di sanificazione applicata da parrucchieri, estetisti e alcuni dentisti – spiega il presidente Massimiliano Dona -, una prassi scorretta che si sottrae forse anche da un punto di vista fiscale alla somma dovuta al consumatore”.

Giù nei giorni scorsi, d’altronde, molti cittadini si erano lamentati per l’aumento del costo del caffè, che in molti posti ha superato l’1,20 euro, o della lievitazione dei prezzi dal proprio parrucchiere. “Stiamo ricevendo decine di segnalazioni sugli incrementi dei listini dei parrucchieri”, segnala infatti il Codacons, secondo cui il prezzo di un taglio è passato da una media di 20 a 25 euro (+25%), ma con punte di incremento che arrivano al +66%.

Leggi anche: 1. Fase 2, aumentano i prezzi di bar, parrucchieri e alimentari. A Milano fino a 2 euro per un caffè / 2. Zaia spiega alla Lombardia come potrebbe fare i tamponi risparmiando / 3. Autoritarismo, feeling con Salvini e dubbi sulla sperimentazione: chi è davvero Giuseppe De Donno (di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Economia / Trieste: il giudice annulla i licenziamenti Wartsila, era comportamento antisindacale
Economia / Il bollettino BCE: "Economia a ristagno ma alzeremo i tassi d'interesse per combattere l'inflazione"
Economia / Digital pay: oltre la PSD2, l’Unione Europea studia la nuova la normativa
Ti potrebbe interessare
Economia / Trieste: il giudice annulla i licenziamenti Wartsila, era comportamento antisindacale
Economia / Il bollettino BCE: "Economia a ristagno ma alzeremo i tassi d'interesse per combattere l'inflazione"
Economia / Digital pay: oltre la PSD2, l’Unione Europea studia la nuova la normativa
Economia / Annalisa Chirico a TPI: “Affrontare la crisi energetica è la sfida per il governo che verrà”
Economia / Uno studio dell'Inps: il Reddito di cittadinanza favorisce la natalità
Economia / Bus e metro gratis contro l’inflazione: la lezione di Madrid e Berlino
Economia / Sta arrivando la recessione. Ma sul gas l’Ue tentenna ed è divisa
Economia / Von der Leyen: “Dagli extra-profitti dell’energia 140 miliardi. Sbagliato guadagnare con la guerra”
Economia / Multe, scatta l’aumento del 10% a causa dell’inflazione
Economia / Crisi finanziaria e scelte politiche dell’Ue: togliamoci l’elmetto, così stiamo facendo il gioco di Putin