Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Standard and Poor’s: per l’Italia rating BBB con outlook negativo

Immagine di copertina
Credit: Flickr.com

Il giudizio dell'agenzia newyorkese

Standard and Poor’s: per l’Italia rating BBB con outlook negativo

Standard and Poor’s (S&P) conferma il rating dell’Italia a BBB con outlook negativo.

Il giudizio dell’agenzia di rating è stato reso noto nella serata di oggi, venerdì 25 ottobre, solo intorno alle 22:30, come da regolamento dopo la chiusura dei mercati azionari.

Nessuna sorpresa negli investitori, visto che la conferma del rating per l’Italia appariva abbastanza scontata alla vigilia. Per tutta la giornata di venerdì 25 ottobre, del resto, l’andamento dei titoli di Stato italiani e lo spread si sono mantenuti costanti, senza grossi sconvolgimenti.

Così, la valutazione dell’Italia rimane a due gradini sopra il livello “spazzatura”, ovvero il non investment grade. L’outlook, cioè le prospettive del rating nelle prossime valutazioni, è negativo.

La valutazione arriva a pochi giorni dallo scambio di lettere tra il Governo italiano e la Commissione europea sulla manovra economica appena varata dall’esecutivo. Bruxelles ha chiesto chiarimenti sul percorso di riduzione del debito pubblico e da Roma sono arrivate rassicurazioni sul rispetto delle regole Ue.

Ieri, giovedì 24 ottobre, un’altra agenzia di rating, Moody’s, ha promosso il Conte bis – che avrebbe fissato obiettivi di crescita “più cauti e realistici rispetto a quelli del precedente esecutivo” -, sottolineando peraltro come sulle effettive entrate previste dalla lotta all’evasione fiscale pesa un punto interrogativo.

Quanto a Standard and Poor’s, anche nella sua precedente valutazione, quella dello scorso 26 aprile, l’agenzia di rating statunitense aveva aveva assegnato all’Italia la tripla B, lasciando il Paese a due gradini dal non investment grade, con outlook negativo.

Sebbene il premier sia rimasto lo stesso, i mercati finanziari sembrano aver apprezzato il cambio della guardia nel governo italiano. Da quando l’esecutivo è retto dalla maggioranza M5S, Pd, Italia Viva e Leu lo spread tra Btp e Bund decennali è sceso sensibilmente. Oggi il differenziale ha chiuso a quota 130,5 punti base con un rendimento sul Btp pari a 0,948 per cento. Ma per Standard and Poor’s l’affidabilità del nostro Paese, per quanto riguarda gli investimenti, è rimasta costante rispetto all’ultima valutazione.

Leggi anche:

Agenzie di rating: che cosa sono e cosa fanno

Ti potrebbe interessare
Economia / SACE aderisce ai Poseidon Principles per promuovere la sostenibilità del settore navale
Economia / Philip Morris: pianificati investimenti in Italia fino a 600 milioni di euro in tre anni
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Ti potrebbe interessare
Economia / SACE aderisce ai Poseidon Principles per promuovere la sostenibilità del settore navale
Economia / Philip Morris: pianificati investimenti in Italia fino a 600 milioni di euro in tre anni
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Fenomeno Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”