Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Moody’s promuove la manovra dell’Italia: “Ma i ricavi dalla lotta all’evasione fiscale sono difficili”

Immagine di copertina
Il premier Giuseppe Conte. Credit: Ansa/ Ettore Ferrari

Il nuovo Governo italiano ha fissato obiettivi di crescita “più cauti e realistici di quelli del precedente esecutivo”. Lo scrive l’agenzia di rating statunitense Moody’s in un rapporto dedicato all’Italia che non costituisce comunque un giudizio sul rating.

Moody’s sottolinea che la manovra economica varata da Palazzo Chigi faccia affidamento “ancora su un significativo grado di flessibilità dalla Commissione europea”. Ma prevede che Roma e Bruxelles “troveranno un compromesso senza ingaggiare uno scontro simile a quello visto lo scorso anno”.

Mentre gli obiettivi di bilancio “sono simili a quelli presentati dal governo precedente un anno fa”, scrive l’agenzia, “la manovra è in qualche modo più credibile e realizzabile”. Un punto interrogativo, peraltro, pesa sulle entrate previste dalla lotta all’evasione fiscale, i cui risultati “sono notoriamente difficili da stimare”.

Nel suo rapporto Moody’s rimarca come l’economia italiana sia in stagnazione dal secondo trimestre del 2018, sia per il generale rallentamento dell’eurozona sia “per fattori specifici” legati al paese, fra cui “l’aumento dei costi dell’indebitamento” pubblico e “l’incertezza politica vista durante il 2018 e la prima metà del 2019”.

“L’economia italiana è tra le poche economie avanzate a non aver superato i livelli pre-crisi del Pil e non presentando un piano coerente di riforme strutturali ci aspettiamo che la crescita economica rimanga contenuta nei prossimi anni”, si legge nel documento.

L’agenzia newyorkese ricorda come nelle scorse settimane abbia stimato per l’Italia un Pil nel 2019 a +0,2 per cento e a +0,5 per cento nel 2020, a fronte di un debito pubblico che dovrebbe mantenersi vicino all’attuale 135 per cento del Pil. A settembre Moody’s aveva confermato il rating dell’Italia a Baa3.

L’Italia, tuttavia, può contare sull’elevata ricchezza e bassi livelli di debito delle famiglie, “che forniscono un importante cuscinetto contro gli shock e una fonte di finanziamento potenzialmente significativa per il governo”.

Moody’s taglia la stima sulla crescita del Pil 2019 per l’Italia: “Da 0,4 a 0,2 per cento”
Ti potrebbe interessare
Economia / Iva, Italia maglia nera in Ue per evasione. Perdite per oltre 30 miliardi
Economia / Italia e Germania, un sodalizio secolare che resiste al Covid e vale 116 miliardi di interscambio commerciale
Economia / Potenziamento dei trasporti pubblici, tariffe agevolate, mobilità integrata e più sicurezza: ecco cosa chiedono gli abitanti di Milano, Roma e Napoli
Ti potrebbe interessare
Economia / Iva, Italia maglia nera in Ue per evasione. Perdite per oltre 30 miliardi
Economia / Italia e Germania, un sodalizio secolare che resiste al Covid e vale 116 miliardi di interscambio commerciale
Economia / Potenziamento dei trasporti pubblici, tariffe agevolate, mobilità integrata e più sicurezza: ecco cosa chiedono gli abitanti di Milano, Roma e Napoli
Economia / La carità è circolare: “Si dona e si riceve”
Economia / Sicurezza sul lavoro, dai maggiori controlli alle sanzioni: le novità in arrivo
Economia / Da Autostrade a Tim: i fondi si stanno prendendo le infrastrutture italiane
Cronaca / L’Antitrust italiana multa Amazon e Apple per oltre 200 milioni di euro: “Violate norme sulla concorrenza”
Lavoro / Preparati al mondo del lavoro, partecipa a Destination Work City di Gi Group
Economia / Con la pandemia le aziende litigano di più (anche da remoto)
Economia / Italiani sempre più poveri: inflazione al 3%, mai così alta dal 2012