Lo spread di oggi lunedì 2 settembre in tempo reale

Come va il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 2 Set. 2019 alle 07:23
0
Immagine di copertina

Lo spread di oggi in tempo reale

Anche oggi, lunedì 2 settembre 2019, è alta l’attenzione per i valori dello spread. Il differenziale Btp-Bund, infatti, rappresenta la fiducia dei mercati finanziari nei confronti del nostro paese e la difficile situazione politica determinata dall’apertura della crisi di governo potrebbe comportare una crescita dei tassi d’interesse sui nostri titoli di Stato.

Finora lo spread è rimasto stabile sotto i 200 punti base. Ma i valori potrebbero cambiare se, come già successo nella giornata di venerdì 30, l’accordo per un esecutivo M5S-PD venisse messo in discussione.

– SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI

(Aggiornare in continuazione per leggere tutti gli ultimi aggiornamenti)

Lo spread di venerdì 30 agosto

Nella giornata di venerdì 30 agosto, lo spread Btp/Bund, si è tenuto su valori piuttosto bassi per tutta la giornata, intorno ai 170 punti base, dopo aver toccato il massimo di giornata, a quota 176, in seguito ad alcune dichiarazioni di Luigi Di Maio, in cui metteva in discussione un governo M5S-PD.

Cosa è lo Spread: significato

Lo Spread è un valore che indica la differenza di rendimento tra titoli di Stato italiani e tedeschi e nello specifico, la forbice tra il rendimento offerto dal Btp (buono del tesoro poliennale emesso dallo Stato italiano) a 10 anni e quello offerto dal suo corrispettivo tedesco, il Bund.

Oggi il differenziale viene preso come riferimento per misurare la stabilità economica di un paese in relazione con gli altri paesi. È anche un indice della fiducia dei mercati nei confronti del Paese.

Spread è dunque anche un termine generico che indica semplicemente la differenza esistente fra due valori e assume significato diverso a seconda del contesto. È dal 2011 che il termine è sotto i riflettori e al centro dell’attenzione pubblica, assumendo nello specifico il significato di differenziale tra i Btp italiani e i Bund tedeschi. All’inizio di quell’anno, il 4 gennaio, era a 173 punti. Dopo un’estate burrascosa e l’avvicendamento a Palazzo Chigi tra Silvio Berlusconi e Mario Monti, a novembre arrivò a quota 528.

Cosa è il differenziale Btp-Bund

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.