Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Ecco lo scontrino elettronico: cosa cambia e come adeguarsi

Immagine di copertina

Scontrino elettronico 2019 | Fiscale | Nuovo | Come funziona | Cosa cambia

SCONTRINO ELETTRONICO 2019 – Dal 1 luglio 2019 addio a registratori di cassa e scontrini cartacei, arrivano lo scontrino elettronico e i registratori di cassa digitali, collegati direttamente con l’Agenzia delle Entrate.

Il cambiamento riguarderà inizialmente solo gli esercizi commerciali con un fatturato superiore ai 400mila euro. Obbligo che scatterà a tutti i commercianti in Italia dal 1 gennaio 2020. La novità, contenuta nella legge di Bilancio 2019, ha diversi propositi, in primis quello di contrastare l’evasione fiscale.

Qui le categorie che sono esenti dall’obbligo dello scontrino elettronico

Scontrino elettronico fiscale 2019 | Come funziona | Costi | Come adeguarsi

Il costo medio di questi nuovi macchinari è di 800 euro, ma c’è anche la possibilità di mantenere il registratore analogico integrandolo con un software specifico in grado di inviare direttamente all’Agenzia delle Entrate il corrispettivo giornaliero di ogni commerciante.

I negozianti che, nel 2019 o nel 2020, acquisteranno un registratore che consenta di adempiere alla direttiva, potranno beneficiare di un bonus fiscale sotto forma di credito d’imposta pari al 50 per cento della spesa fino a 250 euro. Il contribuente potrà poi consultare i dati riguardo al proprio esercizio direttamente nel portale dell’Agenzia.

Lo scontino elettronico potrà anche essere utilizzato dal cliente come garanzia digitale sull’acquisto.

Un novità che dovrebbe semplificare il processo di certificazione di tutte le operazioni fiscali dei negozianti, rendendo di conseguenza più lineare anche la compilazione delle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA.

Lo scontrino elettronico nasce anche per contrastare l’evasione: con la memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi l’Agenzia delle Entrate potrà infatti verificare in tempo reale l’ammontare delle vendite e confrontarle con l’IVA pagata e le altre spese dell’esercizio commerciale.

Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Ti potrebbe interessare
Economia / Acquisizione Mps, si blocca la trattativa tra Unicredit e Mef: verso rottura
Economia / Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che aderisce alla Net-Zero Banking Alliance
Economia / Whistleblowing, come le aziende devono organizzarsi a tutela dei dipendenti
Economia / Tampon tax, Manovra 2022: governo approva la riduzione dell’iva al 10% e non al 4%
Economia / Fenomeno Great Resignation: negli USA milioni di persone si stanno volontariamente dimettendo dal proprio lavoro
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens