Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Un litro di petrolio oggi costa meno di un litro d’acqua

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

La notizia è di quelle destinate a restare sui libri di storia: nella serata di lunedì 20 aprile il principale indice del prezzo del petrolio negli Stati Uniti – il WTI – è sceso di oltre 50 dollari, arrivando a -37 dollari a barile. Si tratta di una caduta mai vista dal 1983, quando sono iniziate le rilevazioni. Come ha fatto il prezzo a scendere sotto lo zero?

A causa della pandemia da Coronavirus, in gran parte dei Paesi del mondo i governi hanno dovuto imporre una quarantena che ha limitato enormemente l’utilizzo delle automobili, degli aerei e degli altri mezzi pubblici e privati. Meno spostamenti significa meno domanda di petrolio. È così che grosse quantità di greggio estratte sono rimaste invendute: i barili sono quindi fermi nei magazzini. Questo è accaduto perché i proprietari delle raffinerie – che trasformano il petrolio grezzo in benzina e altri carburanti – hanno smesso di acquistarlo, in quanto prevedono che la domanda di carburanti rimarrà a lungo molto bassa.

I produttori di petrolio si sono così trovati ad accumulare scorte di greggio fino a che lo spazio fisico a loro disposizione per stoccarlo è finito, da qui l’esigenza di spendere denaro pur di liberarsi delle scorte che non riescono più a immagazzinare.

In Europa le cose sono andate in modo diverso, forse meglio: il petrolio non è ancora calato così tanto come negli Stati Uniti. Il Brent, l’indice del prezzo del petrolio venduto nel nostro continente, è sceso da più di 60 dollari al barile (a febbraio) a poco più di 20: un record negativo, ma ancora decisamente sopra lo zero.

Nel momento in cui scriviamo, un barile di petrolio negli Stati Uniti viene venduto a circa 11,74 dollari (10,87 euro). Considerando che un barile contiene 159 litri, un litro di petrolio costerà circa 15 centesimi. Confrontando il valore del greggio a litro –  l'”oro nero” – con il costo medio di un litro di acqua al dettaglio (mediamente 0,20 euro a litro), sarà facile comprendere l’incredibile svalutazione che sta subendo il greggio. Tanto da diventare meno costoso dell’acqua. 

I prezzi della benzina scenderanno?

Il calo del prezzo del petrolio avrà ricadute sul prezzo della benzina? Per rispondere a questa domanda bisogna prima di tutto tenere in considerazione il fatto che il prezzo della benzina non è dato solo dal costo del greggio. Alla materia prima bisogna aggiungere i costi di raffinazione, di trasporto e le tasse. Secondo i dati forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico, a marzo 2020 il prezzo medio della benzina è stato di 1,4865 euro a litro, quello del gasolio di 1,3782 euro a litro, 0,6170 euro a litro, invece, il costo del GPL.

Questo perché – come premesso – sul costo dei carburanti incidono anche le ben note accise: sulla benzina al momento si pagano circa 0,7284 centesimi di accise e 0,2680 centesimi di Iva; sul gasolio le accise ammontano a 0,6174 e l’Iva a 0,2485; sul GPL si pagano rispettivamente 0,1472 d’accisa e 0,1112 di Iva (Dati marzo 2020, MISE).

Estrarre petrolio è un’operazione molto costosa e l’idea di fermare la produzione non è così semplice. Per bloccare la produzione occorre tempo e ancora più tempo richiede farla ripartire. Se lo stato di lockdown dovesse continuare e quindi la domanda di petrolio restare bassa, i produttori saranno inevitabilmente costretti a chiudere.

A inizio aprile, l’organizzazione dei paesi produttori di petrolio (l’OPEC) ha chiuso un accordo con i produttori russi per ridurre la produzione del 10 per cento, così da cercare di sostenere i prezzi. Nei prossimi mesi sarà possibile verificare se tale accordo darà frutti positivi. Il taglio deciso a inizio aprile è il più significativo della storia, ma non è riuscito a impedire il crollo dei prezzi in questi giorni.

Leggi anche: 1. Coronavirus, boom di casi a Singapore: oltre 1400 in un solo giorno /2. Parigi, tracce di Coronavirus trovate nell’acqua della Senna: stop al lavaggio delle strade

 TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Economia / “Google ha sottopagato illegalmente migliaia di lavoratori in tutto il mondo”
Economia / Messico, Amazon costruisce un magazzino in mezzo una baraccopoli: le foto diventano virali
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Ti potrebbe interessare
Economia / “Google ha sottopagato illegalmente migliaia di lavoratori in tutto il mondo”
Economia / Messico, Amazon costruisce un magazzino in mezzo una baraccopoli: le foto diventano virali
Lavoro / Telecamere nei luoghi di lavoro? Come il VAR sui campi di calcio
Lavoro / Whatsapp e lavoro: attenzione alle chat
Economia / Fca pagò tangenti ai sindacati per corromperli: multa da 30 milioni di dollari negli Usa
Economia / Bonus terme 2021: cos’è, come funziona, quando e chi può richiederlo
Economia / Le “tute blu” ora diventano rosa
Economia / Clima: i disastri naturali hanno causato danni per 63 miliardi di euro nei primi sei mesi del 2021
Economia / Cattolica Assicurazioni, utile in forte crescita nel primo semestre
Cronaca / Le lauree che fanno trovare subito lavoro (e guadagnare di più)