Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia » Lavoro

Cgil: un incontro su crisi, sovranismo e sindacato internazionale

Immagine di copertina

Giovedì 30 maggio, dalle 9.30 alle 14.30, è in programma nella sede romana della Cgil Funzione Pubblica, in via Buonarroti 12 a Roma, un incontro sulla crisi economica e l’affermazione dei partiti sovranisti a scapito dei partiti tradizionali.

L’evento, organizzato dalla Fisac Cgil, si intitola “Point break: dalla crisi globale al sindacato internazionale al tempo dei sovranismi nazionali”.

“Vorremmo proporre una giornata di studio e di approfondimento, senza troppi formalismi, con l’obbiettivo ambizioso di cercare di fare chiarezza in particolare sulla situazione economica che stiamo vivendo e sulle prospettive future che influenzeranno le dinamiche sindacali e politiche. Per fare ciò sottoporremo agli accademici che interverranno una nostra relazione, finalizzata a sollecitare la discussione su alcune linee guida”, spiegano gli organizzatori, Paolo Fidel Mele, segretario generale della Fisac-Cgil Lazio, e Daniele Canti, segretario generale della Fisca-Cgil Roma.

Relatori dell’incontro saranno gli economisti Emiliano Brancaccio, promotore del manifesto internazionale contro l’austerity del 2010, e Marcello Minenna, responsabile dell’Ufficio analisi quantitativa e innovazione finanziaria della Consob.

Molti i temi sul tavolo, spiegano gli organizzatori: “La crisi globale e le contraddizioni insite nel modo di produzione capitalistico, la crescita continua dell’indebitamento, la guerra commerciale e valutaria, le problematiche connesse alle politiche monetarie (tassi negativi o vicini allo zero praticati dalle banche centrali, quantitive easing), il rischio di un ennesima bolla azionaria, i rischi sistemici derivanti dal gigantismo delle banche, il caso Grecia, quali possibili alternative all’accettazione delle politiche di austerity, gli interventi per limitare i movimenti di capitale, il rischio di possibili sbocchi della crisi economica in termini di conflitti militari. Obbiettivo del dibattito e cercare di sviluppare una trama unitaria che cerchi di far cogliere la complessità del sistema nella sua interezza”.

Sarà presente all’incontro anche il professor Marco Di Maggio, docente a contratto di storia contemporanea all’Università La Sapienza di Roma, che parlerà della “contestualizzazione storica della crisi economica” e della “affermazione dei partiti sovranisti-nazionalisti e neofascisti”.

Il segretario nazionale della Fisac-Cgil, Claudio Corneli, terrà invece un intervento sulla necessità di un sindacato internazionale “che svolga una vera ed efficace azione negoziale”.

Quali sono le professioni che non saranno rimpiazzate dai robot?

L’annuncio di lavoro per un centro estetico che discrimina le donne

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Lavoro / Chiude la Gkn di Campi Bisenzio: altri 422 lavoratori lasciati a casa con una e-mail
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Lavoratori Gkn criticano il leader della Cgil Landini: “No passerelle mediatiche”
Economia / Chiude anche la Timken di Villa Carcina, 106 licenziati
Lavoro / Chiude la Gkn di Campi Bisenzio: altri 422 lavoratori lasciati a casa con una e-mail
Economia / La Commissione europea contro l’Italia: “Il blocco dei licenziamenti è dannoso”
Lavoro / Trecento nuove assunzioni in Gi Group nel 2021
Lavoro / Concorsi pubblici 2021: tutti i bandi attivi
Lavoro / Nel Recovery addio all'Esame di Stato, basterà la laurea
Lavoro / Nomadi del digitale: un professionista su tre del settore sogna di trasferirsi grazie allo smart working
Lavoro / Riforma Brunetta e concorso scuola: ecco perché è giusto valutare i titoli al posto della preselettiva
Cronaca / Concorso per 2.800 assunzioni nella PA: bando e come candidarsi