Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

L’annuncio di lavoro per un centro estetico che discrimina le donne

Immagine di copertina

È stato pubblicato ad Asti, in Piemonte, e ha sollevato numerose critiche sui social network. Sulla vicenda sono intervenute anche alcune sigle sindacali

“Cercasi un’estetista. Caratteristiche: senza problemi di famiglia, non in sovrappeso, di oltre 30 anni, senza problemi di orario, dal lunedì al venerdì orario continuato 8:30-19:30. Vuoi lavorare?”. 

Questo annuncio di lavoro è comparso sulla vetrina di un centro estetico di Asti, in Piemonte, è stato fotografato e l’immagine ha sollevato forti critiche sui social network.

Cercasi estetista non sovrappeso

Sulla vicenda è intervenuta la Cgil di Asti che ha presentato un esposto all’ispettorato del lavoro.

“Sarebbe interessante sapere quale fantastico stipendio venga offerto, a questa donna 30enne che dovrà essere anoressica, orfana, nubile e senza figli e senza zii e nipoti, disposta a mettersi a disposizione dall’alba al tramonto”, si legge in un post su Facebook sul profilo Cgil Piemonte. “Magari le proporranno qualche voucher di nuovo conio”.

L’annuncio discrimina le donne con famiglia, le donne che hanno problemi di peso e quelle che non intendono lavorare 11 ore di seguito senza pausa.

Diversi persone l’hanno ritenuto discriminatorio e denigrante. Per altri il problema sono le 11 ore al giorno di lavoro e quel “senza problemi di famiglia”, non tanto la richiesta di essere normopeso. Questa caratteristica sarebbe motivata dal fatto che è funzionale alla figura ricercata, ossia un’estetista in un centro a cui le donne si rivolgono per dimagrire.

“Il testo si commenta da solo e purtroppo, non stupiscono le discriminazioni verso le lavoratrici madri (o le figlie di genitori anziani) e neanche le pretese di orari molto elastici. Quello che stupisce tuttora è la rozzezza e la volgarità, l’impudenza di discriminare a viso aperto”, scrivono in una nota sindacale le sigle astigiane Cgil e Filcams.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI