Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Economia

Lavoratori Bekaert in presidio di fronte al Mise in occasione del tavolo di trattative tra sindacati, istituzioni e azienda

Immagine di copertina
Credits: Facebook/I lavoratori Bekaert sono io

Lavoratori Bekaert in presidio di fronte al Mise

Dalle 10 di questa mattina i lavoratori dell’azienda belga Bekaert di Figline Valdarno, in provincia di Firenze, sono in presidio di fronte al ministero dello Sviluppo economico (Mise) dove si sta svolgendo l’incontro tra i sindacati, le istituzioni e la società.

La fabbrica è stata inaugurata nel 1959 dalla Pirelli e per oltre sessant’anni ha prodotto cordini di acciaio destinati principalmente alla costruzione di pneumatici per auto. Nel 2014 viene ceduta alla multinazionale belga Bekaert. Nell’accordo di acquisizione il tetto massimo dei licenziamenti è fissato al 15 per cento e nel 2015 lasciano l’azienda i primi 50 dipendenti.

Quattro anni dopo l’azienda ha annunciato la chiusura del sito produttivo e lo scorso 11 ottobre è stata avviata la procedura di licenziamento per 200 dei 318 dipendenti totali. L’azienda predilige infatti gli stabilimenti in Slovacchia e in Romania dove il costo del lavoro risulta più basso.

Dopo mesi di protesta i lavoratori riescono a ottenere il prolungamento della cassa integrazione e dell’ammortizzatore sociale per tutto il 2019, ma la scadenza del 31 dicembre è ormai molto vicina.

“Per questa ragione chiederemo di conoscere non solo quali novità ci sono per la reindustrializzazione dello stabilimento e la ricollocazione di tutti gli operai, ma anche l’impegno del governo per la proroga della cassa integrazione”, si legge in un comunicato della Fiom. “Al ministero dello Sviluppo economico chiediamo impegni concreti, poche cose ma fondamentali: che siano prorogati degli ammortizzatori sociali, perché per valutare gli interessamenti è necessario avere tempo; che il governo valuti e si faccia garante della solidità industriale e finanziaria dei soggetti che presenteranno un piano industriale per la riorganizzazione dello stabilimento di Figline Valdarno”.

Il presidio si inserisce nell’ambito della mobilitazione dei metalmeccanici di Fim, Fiom e Uilm, che hanno proclamato per oggi due ore di sciopero generale con assemblee nei luoghi di lavoro.

Whirlpool, l’azienda ritira la cessione del sito di Napoli ma in città riprende la protesta

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Autotrasportatori senza Green Pass: da venerdì rischio scaffali vuoti
Economia / La leadership nelle PMI: efficienza e motivazione del team sono al primo posto
Cronaca / Green Pass, l’allarme di Coldiretti: “100mila non vaccinati nei campi. A rischio i raccolti”
Economia / Smartworking, i dipendenti Amazon potranno lavorare da remoto per sempre
Cronaca / Il premio Nobel per l’Economia va a David Card e Joshua Angrist e Guido Imbens
Economia / Stellantis: tagli in Italia, assunzioni in Francia
Economia / Accordo sulla Global Tax: dal 2023 imposta minima del 15% alle multinazionali
Lavoro / Il data scientist è entrato nel cuore delle aziende
Economia / La nuova Ita? Lavoratori massacrati, manager Alitalia confermati
Economia / Come si richiede lo SPID? I documenti necessari e l’iter da seguire