Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Economia

Cottarelli: “I No Global del G8 Genova guardavano avanti, chi guidava l’economia non si rendeva conto”

Immagine di copertina

“Con la crisi del 2008, le istituzioni che governano l’economia mondiale hanno iniziato a riflettere sul fatto che la globalizzazione poteva avere non solo effetti positivi, ma anche negativi. Abbiamo assistito a un vero e proprio ripensamento della globalizzazione stessa”. L’economista Carlo Cottarelli in un’intervista all’HuffPost rivede le sue posizioni in tema di economia globale e riconsidera la lotta dei no-global all’epoca del G8, quando proprio lui era al Fondo monetario internazionale, il nemico per definizione di chi protestava con il neoliberismo sfrenato.

“Quei movimenti guardavano in avanti e chi allora guidava l’economia e la finanza internazionale si rendeva solo in parte conto dell’entità dei fenomeni che stavano accadendo”, dice Cottarelli. “Vent’anni fa il Fondo monetario internazionale pensava che la liberalizzazione dei movimenti di capitale fosse una priorità e c’era molta prudenza nel fare politiche di finanza espansiva. Ma con la crisi enorme del 2008, che ha portato a una caduta imponente del reddito, ci si è resi conto che le crisi di domanda si dovevano fronteggiare solo con politiche espansive, sempre che ci fossero adeguate fonti di finanziamento”.

Nell’intervista Cottarelli è chiamato a rispondere anche sulla cancellazione del debito, tema caro al Genoa Social Forum e oggi tornato al centro del dibattito. “La cancellazione del debito è una tassa sul creditore e se i creditori sono i cittadini significa che si stanno tassando i cittadini stessi. Non so sinceramente a chi possa convenire un simile scenario. Sicuramente però resta il problema della sostenibilità. C’è stato un abbassamento tendenziale del livello dei tassi di interessi reali e questo rende più facile sostenere il debito. Ma se i tassi dovessero aumentare, il problema ritorna e Paesi come il nostro finirebbero nei guai”, sostiene l’economista.

Sul perché ci siano voluti 20 anni per ammettere che questioni sollevate all’epoca del G8, come sviluppo sostenibile, cambiamenti climatici, deforestazione, allevamenti intensivi, fossero fondamentali Cottarelli risponde: “Perché occuparsi nell’immediato dell’ambiente ha un costo. La politica e i cittadini non vogliono pagarlo. In Europa c’è una sensibilità maggiore che in altre parti del mondo, ma ci sono ancora molte variabili che possono affossare nuovamente questo impegno. Le politiche di Biden rischiano di essere stravolte se tra tre anni Trump tornasse alla Casa Bianca. Anche oggi non si vuole affrontare la questione principale e cioè che è necessario affrontare un costo immediato per salvare il pianeta. Per questo dico che su molti dei temi sollevati nel 2001 siamo rimasti ancora alle parole.

Sempre secondo l’economista, la ricetta per governare la globalizzazione non esiste, ma esistono degli strumenti, ” Uno può essere la tassazione minima globale così come sarebbe auspicabile uniformare le tutele per i lavoratori, ma come si fa ad obbligare i Paesi in via di sviluppo ad accettare questo impegno? I Paesi più avanzati ripetono che bisogna ridurre le emissioni di CO2, ma per decenni ne hanno prodotto quantità enormi: è difficile convincere i Paesi in via di sviluppo che ora bisogna farlo. Viviamo in una stagione di grandi conflitti d’interesse”.

Ti potrebbe interessare
Economia / Pos obbligatorio solo a partire da 60 euro, il governo: “In corso colloqui con l’Ue”
Economia / Dall’Italia 450 milioni di euro per armare l’Ucraina: il calcolo dell’Osservatorio Mil€x
Economia / Manovra, obbligo Pos solo sopra i 60 euro: sale ancora il limite di esenzione
Ti potrebbe interessare
Economia / Pos obbligatorio solo a partire da 60 euro, il governo: “In corso colloqui con l’Ue”
Economia / Dall’Italia 450 milioni di euro per armare l’Ucraina: il calcolo dell’Osservatorio Mil€x
Economia / Manovra, obbligo Pos solo sopra i 60 euro: sale ancora il limite di esenzione
Economia / La finanza pulita punta sul clima
Economia / Il miracolo di Amazon è finito
Economia / Associazione Guido Carli: conferito all’economista Lord Mervyn King il Premio Bancor 2022
Economia / Manovra, esenzioni per il pos per pagamenti sotto i 30 euro e multe sospese per gli esercenti
Lavoro / Concorsi pubblici 2022: ecco i bandi attivi a dicembre
Economia / Intesa Sanpaolo: in due mesi 87 milioni di aumento una tantum ai dipendenti
Economia / L’Associazione Guido Carli lancia il Premio Bancor. La prima edizione a Mervyn King