Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Recovery, Cottarelli smentisce Salvini con una lezione di economia in diretta tv

Immagine di copertina

Intervistato da Giovanni Floris a DiMartedì su La7, Carlo Cottarelli, professore che dirige l’Osservatorio dei conti pubblici italiani all’Università Cattolica ci scherza su: “Si parlava di me prima del Conte uno, prima del Conte due e se ne parla anche ora, vediamo cosa succede”.

Il suo nome è dato tra i favoriti per diventare premier se Giuseppe Conte fallisse il terzo tentativo. Cottarelli, così come il presidente della Corte Costituzionale Marta Cartabia o l’attuale ministra degli Interni Luciana Lamorgese, potrebbe raccogliere una maggioranza più ampia, magari arrivando anche al centro e a Forza Italia, in uno scenario di governo di “salvezza nazionale”, come lo definiscono nel Pd.

In studio c’è anche Matteo Salvini, leader della Lega, si parla di Recovery Fund. “Se fossi al governo, rinuncerei ai 120 miliardi stanziati a prestito dall’Europa col Recovery Fund. Quei soldi preferisco prenderli dai mercati a tassi più vantaggiosi”, afferma il leader leghista. Cottarelli risponde: “Basta fare due calcoli tra quello che si prende a prestito e il differenziale del tasso di interessi rispetto al finanziamento di mercato e viene fuori che col Recovery si risparmia, soltanto sui prestiti, circa 25 miliardi in dieci anni. Insomma, se facessimo come ha detto Salvini, in dieci anni perderemmo 25 miliardi”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Ti potrebbe interessare
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali