Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cucina

Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia

Immagine di copertina

Vegan: non una moda, ma una consapevole scelta di vita
Negli ultimi anni si è assistito, in Italia così come nel resto d’Europa e in America, ad un vero e proprio boom delle persone che hanno scelto di abbracciare il veganismo per la propria nutrizione. Si definisce vegano colui che esclude dalla propria alimentazione qualsiasi cibo che provenga da animali.

Quella che in un primo momento era stata rappresentata, in maniera certamente dispregiativa, fortemente critica e forse anche un po’ superficiale, alla stregua di una moda passeggera e frutto di una tendenza effimera e caduca, si è oggi invece affermata come una precisa scelta di vita, ponderata e “figlia” di una maggior sensibilizzazione ai temi che riguardano in maniera correlata e sistemica le questioni del cibo, della salute, della sostenibilità e dell’ambiente.

Con l’arrivo del Coronavirus, è boom vegano in Europa
Non c’è dunque da stupirsi se i vegani, che nel 2008 rappresentavano circa lo 0,5% della popolazione statunitense, nel 2014 hanno raggiunto il 2,5%, mentre nel 2018 hanno superato la soglia del 6%. Tuttavia, questo trend non è rimasto, come dicevamo all’inizio, un fenomeno esclusivamente americano: gli stessi incrementi si sono infatti registrati anche in Europa e in Italia. Tra l’altro, nel 2020, anno in cui il Covid19 ha stravolto le abitudini quotidiane di tutti noi, costringendoci anche a rimettere in discussione molti dei dogmi che costituivano le fondamenta del nostro pensiero comune, anche il numero di persone “convertitesi” al vegan è aumentato esponenzialmente.

Ma qual è attualmente la situazione all’interno dei nostri confini nazionali?
Myprotein ha appena rilasciato la classifica delle Città più “vegan-friendly” d’Italia del 2021, con Roma posizionata al primo posto. Come si può notare dalla tabella sottostante, Myprotein ha stilato questa classifica tenendo conto, per ogni città, del numero dei ristoranti e negozi e altri fattori dedicati all’alimentazione vegana.

I numeri incoronano Roma come capitale (anche) vegana d’Italia, dove le opzioni abbondano: quasi 250 locali dedicati a questo tipo di cucina nella città eterna, di cui sedici esclusivamente vegani e altri 147 che includono vegan food all’interno della propria offerta culinaria.

Trattasi di un dato assolutamente di rottura rispetto al passato, in cui era sempre stata Torino (scesa invece ora al secondo posto) ad assicurarsi il primato, con tanto di orgogliosa (e giustificata) soddisfazione del sindaco Appendino. Seguono a ruota Milano, Venezia e Bologna.

Ti potrebbe interessare
Cucina / Olioevo.eu, il marketplace dell’olio extravergine contraddistinto dall’etica sociale
Cucina / Carlo Cracco, tutto quello che bisogna sapere sul suo ristorante
Costume / I fritti di Carnevale: una golosità tipica, supportata dalla qualità di farine e ingredienti
Ti potrebbe interessare
Cucina / Olioevo.eu, il marketplace dell’olio extravergine contraddistinto dall’etica sociale
Cucina / Carlo Cracco, tutto quello che bisogna sapere sul suo ristorante
Costume / I fritti di Carnevale: una golosità tipica, supportata dalla qualità di farine e ingredienti
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Cucina / Dove mangiare questo weekend: tre dritte per il fine settimana
Cucina / Dove mangiare questo weekend: tre dritte per il fine settimana
Cucina / Dove mangiare in Italia: tre dritte per il fine settimana
Cucina / Dove mangiare in Italia: tre dritte per il fine settimana
Cucina / Dove mangiare questo weekend: tre dritte per il fine settimana
Costume / Dove mangiare questo weekend: tre dritte per il fine settimana