Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

A Calolziocorte (Lecco) zone rosse per i migranti: lontani da scuole e stazioni

Immagine di copertina

Zone rosse per i migranti a Calolziocorte. Il comune italiano in provincia di Lecco verrà diviso in diverse zone: quelle rosse e quelle blu. Nelle prime sarà vietata l’apertura di centri di accoglienza, nelle seconde, invece, sarà necessario avere il nullaosta del comune.

I migranti fuori da alcune aree della città. Proprio come succede con le sale slot, ritenute potenzialmente dannose per alcune fasce di popolazione – come i bambini – saranno i rifugiati e i profughi a essere considerati “pericolosi”. Ed è il sindaco stesso, Marco Ghezzi, a dichiararlo: “L’obiettivo è quello di salvaguardare le zone sensibili del Comune, un po’ come già accade per le sale slot”.

Il regolamento, che presto sarà operativo nel comune lombardo di 13mila anime, fa già discutere. Le opposizioni in consiglio comunale si preparano a dare battaglia a una decisione che ha tutta l’aria di essere considerata razzista.

Il sindaco Marco Ghezzi e la sua maggioranza di centrodestra hanno approvato un provvedimento che divide la città in tredici zone: nove quelle rosse, cinque quelle blu. I migranti, ad esempio, non potranno essere collocati nei pressi di scuola e stazione.

Ma non solo: il regolamento prevede anche che chi avesse intenzione di ospitare dei richiedenti asilo presso edifici di proprietà all’interno delle “zone blu”dovrà presentare apposita richiesta presso gli uffici comunali.

Sempre secondo il regolamento, tra i centri di accoglienza e i luoghi considerati “sensibili” dovranno esserci almeno 150 metri di distanza. “Considerato prioritario favorire processi di integrazione condivisi con i residenti e ritenuto fondamentale che il Comune possa programmare e supervisionare eventuali insediamenti di Centri di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo, viste le molteplici problematiche sociali e di sicurezza che questo tipo di strutture possono generale, vengono individuate alcune zone dette ‘sensibili’ come da planimetria allegata. In particolare le zone segnate in rosso (stazione ferroviaria e scuole) si intendono vietate e quelle in blu (biblioteca e oratori) necessitano di nulla osta”, si legge nel provvedimento.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il programma politico di Giuseppe Conte per il M5S: ecco le 5 stelle nel suo manifesto
Cronaca / Treviso, non riesce a legarsi al deltaplano e precipita nel vuoto: muore pilota 51enne
Cronaca / Coprifuoco, Governo pronto a decidere: ecco quando e come cambia l’orario
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il programma politico di Giuseppe Conte per il M5S: ecco le 5 stelle nel suo manifesto
Cronaca / Treviso, non riesce a legarsi al deltaplano e precipita nel vuoto: muore pilota 51enne
Cronaca / Coprifuoco, Governo pronto a decidere: ecco quando e come cambia l’orario
Cronaca / “Ai giovani dico: fate come Peppino, scegliete legalità e antifascismo”. Parla Giovanni Impastato
Cronaca / Totò Cuffaro: “Oggi vendo fichi d’india e voglio rifondare la Democrazia Cristiana”
Cronaca / Dal 15 maggio via la quarantena per chi arriva da Paesi Ue
Cronaca / Scudetto Inter, in 3.000 per la festa al San Siro: rispettato uso mascherina | VIDEO
Cronaca / Covid, 10.176 casi e 224 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Milano, in migliaia in piazza per sostenere il Ddl Zan: “Una legge di civiltà”
Cronaca / “Almeno 100 colpi” sparati dalla Guardia costiera libica al peschereccio italiano