Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Girava con la pistola, lo chiamavamo lo sceriffo”: i cittadini raccontano l’assessore di Voghera

Immagine di copertina

“Adriatici vantava delle competenze professionali. Ci ha lasciato un po’ stupiti il perché avesse accettato un incarico del genere (Assessore alla Sicurezza, ndr). Noi lo chiamavamo lo sceriffo per il modo di atteggiarsi, modi troppo bruschi verso i deboli e la microcriminalità, che a Voghera esiste, ma non era certo il ragazzo di ieri sera che è morto”, così in un’intervista a Repubblica Giampiero Santamaria, coordinatore de “La buona destra” di Voghera, su Massimo Adriatici, l’Assessore leghista del comune lombardo che ieri sera ha ucciso un 39 marocchino dopo una lite, sparando un colpo di pistola.

“Mi ha spinto ed è partito un colpo”, ha detto agli inquirenti Adriatici, che ora si trova agli arresti domiciliari ed è indagato dalla procura di Pavia per “eccesso di legittima difesa”. La vittima, di origini marocchine, si chiamava Youns El Boussetaoui. “Legittima difesa? Assolutamente. Era un ragazzo seguito dai servizi sociali che aveva una famiglia alle spalle. E tutt’ora il sindaco non ha espresso le condoglianze”, ha dichiarato Santamaria sul 39enne ucciso. “Quando eravamo ragazzini, 25 anni fa, e magari ci fumavamo le canne, quando arrivavano i poliziotti nella piazza a fare una retata lui arrivava sempre con la pistola in mano, nonostante fossimo tutta ragazzini”, ha raccontato un altro cittadino su Adriatici, ex poliziotto.

 

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Cronaca / “Siamo sicuri che Messina Denaro sia un assassino?”: bufera su un tweet di Vittorio Feltri
Cronaca / Dai peluche ai poster del Padrino e di Joker: le immagini del covo di Messina Denaro | VIDEO
Cronaca / Preferisce il carcere ai servizi sociali: “Riportatemi in cella, lì si fatica di meno”
Cronaca / Alfredo Cospito, udienza in Cassazione anticipata a marzo per le condizioni di salute del detenuto
Cronaca / Pisa, coppia litiga in casa: lui esce in bicicletta, le lo segue in auto e lo investe
Cronaca / A scuola di Grandi opere: “Così Venezia insegna il Mose a New York”
Cronaca / Detersivo al posto dell’acqua, cliente muore dopo 8 mesi di agonia: barista accusato di omicidio