Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Vicenza: donna islamica picchiata e segregata in casa dal marito per 13 anni

Immagine di copertina

Domenica 29 settembre, la vittima ha trovato il coraggio per scappare e denunciare il coniuge violento

Vicenza: donna islamica picchiata e segregata in casa per 13 anni

Una donna islamica, residente a Vicenza, è stata picchiata e segregata in casa dal marito per ben 13 anni.

A raccontarlo è stata lei stessa alla polizia nella giornata di domenica 29 settembre: dopo l’ennesima violenza, infatti, la vittima ha trovato il coraggio di fuggire e di denunciare il coniuge violento.

La donna, una pachistana di 44 anni, si è trasferita in Italia insieme al marito e ai figli 13 anni fa. Il coniuge, però, ha sempre impedito alla moglie di lavorare e integrarsi, vietandole qualsiasi contatto con l’esterno.

L’uomo imponeva il suo volere con violenze fisiche, psicologiche e continue vessazioni. L’ultima aggressione, avvenuta nella giornata di domenica 29 settembre con un mattarello utilizzato come arma, ha convinto la donna a dire basta.

La vittima, infatti, è fuggita dalla sua abitazione e, grazie a un cugino che parla italiano, ha formalizzato la denuncia contro il marito.

Attualmente, la 44enne si trova all’ospedale San Bortolo, in una stanza sorvegliata, dove è ricoverata per alcune ferite, frutto dell’ultimo vile attacco del marito.

Una volta ristabilitasi, la pachistana verrà trasferita in una struttura protetta, mentre la procura sta trattando il caso come “codice rosso”.

Il codice rosso è legge: approvato il ddl contro la Violenza sulle donne

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Silvio Berlusconi è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele
Cronaca / Mors tua, dose mea: ecco perché lo stop a Reithera dimostra che è in atto una guerra sui vaccini (di L. Telese)
Cronaca / Covid, 6.659 casi e 136 morti nell'ultimo giorno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Silvio Berlusconi è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele
Cronaca / Mors tua, dose mea: ecco perché lo stop a Reithera dimostra che è in atto una guerra sui vaccini (di L. Telese)
Cronaca / Covid, 6.659 casi e 136 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Roma, donna chiusa in una smart da 4 giorni: portata in ospedale
Cronaca / Report Iss, i vaccini anti-Covid riducono contagi e ricoveri: -95% di morti già dopo la prima dose
Cronaca / Dai porti italiani partono armi destinate a Israele, ma a Livorno i portuali bloccano il carico
Cronaca / Via libera del ministero ai test salivari molecolari
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 15 maggio 2021
Cronaca / Oggi 7.567 casi e 182 morti: il bollettino
Cronaca / Rula Jebreal rifiuta l’invito a Propaganda Live: “Sette ospiti e una sola donna. Come mai?”