Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Viareggio, polemica per le parole del consigliere di Fratelli d’Italia: ”Le risse? Colpa delle ragazzine in shorts”

“Le ragazzine di oggi gli shorts non li portano più all’altezza dei fianchi, ma dal fondoschiena in su. Sono tutte belle scoperte, pancia e ombelico in vista e istigano i ragazzini, le ho sentite io personalmente, ad andare a picchiare il compagno, perché magari sono state avvicinate o è stato detto loro qualcosa. E questi abbigliamenti provocano gelosie tra ragazzi“. A dirlo, nel corso della riunione del consiglio comunale di Viareggio (Lucca) trasmessa in streaming, è stato Marco Dondolini, consigliere di Fratelli d’Italia.

La teoria espressa da Dondolini è che sarebbero le ragazzine di 12-13 anni in abiti troppo succinti a spingere i loro coetanei a picchiarsi con altri ragazzi. La discussione si è svolta dopo durante una discussione sulla movida giovanile a seguito di alcuni episodi violenti, registrati nelle ultime settimane in Versilia e non solo, dove erano coinvolti alcuni giovani.

“Non sto dicendo che le ragazzine non si debbano mettere gli shorts”, ha aggiunto Dondolini, “però le ho viste andare anche davanti alle persone anziane che passeggiavano a far loro dei versi, a spaventarle. Dunque c’è proprio un degrado culturale da parte delle famiglie, che non seguono più i loro ragazzi. Sono queste ragazzine che istigano i ragazzi a picchiarsi“.

Il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro ha condannato queste parole, bollandolo come “un intervento, fatto in un luogo istituzionale, che usa un linguaggio così fuori dal tempo e inappropriato, che identifica ruoli che speravamo superati, e denota un pensiero discriminatorio ancora difficile da sradicare”.

“La banalità con cui si sdogana un problema”, ha aggiunto, “la faciloneria con cui si fa un’affermazione gravissima” costituiscono “un salto indietro di decenni, un’offesa intollerabile per tutti, sindaco e assessori, maschi e femmine. Donne e uomini del Consiglio”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Lazio, il consigliere no vax Barillari si punta una pistola al braccio: "Il vaccino è una roulette russa"
Cronaca / 18 morti e 6.619 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,7%
Cronaca / “Vi aspetto in terapia intensiva, con un pizzico di piacere”: infermiere punito per un post contro i no vax
Cronaca / Pisa, operai licenziati dopo aver scioperato per il salario: la denuncia della Cgil
Cronaca / Focolaio Covid tra gli attori: “Tutto è partito da un festival in Sardegna”
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza
Cronaca / Brusaferro (Iss) chiede prudenza: "Rt verso stabilizzazione"
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari