Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Il trauma del Covid può provocare un disturbo post traumatico da stress nei bambini positivi”, a TPI parla la pediatra

Immagine di copertina
Credit: Terre des Hommes

Lucia Romeo, pediatra dell'Ospedale Buzzi di Milano, spiega come affrontare l'eventuale trauma che i più piccoli possono riportare dopo aver contratto la malattia

“Il trauma del Covid può provocare un disturbo post traumatico da stress nei bambini positivi”, a TPI parla la pediatra

“Ansia, insonnia, paura di addormentarsi, instabilità: questi sono i sintomi più comuni. Ma dipende anche dall’età”. Lucia Romeo, pediatra dell’Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi di Milano, spiega a TPI quali possono essere le conseguenze psicologiche per i bambini e i ragazzi positivi al Covid-19. Il trauma del ricovero – proprio o dei familiari più prossimi – può infatti portarli a sviluppare un disturbo post-traumatico da stress a causa dell’esperienza vissuta. Romeo è la pediatra responsabile del progetto TIMMI, nato dalla collaborazione della Fondazione Terre des Hommes e l’Ospedale Buzzi di Milano. Il progetto, inizialmente volto all’identificazione del maltrattamento di bambini e adolescenti, ha ampliato i suoi obiettivi dopo l’emergenza Covid, e ora fornisce gratuitamente ai piccoli pazienti e alle loro famiglie il supporto psicologico per prevenire o eventualmente affrontare il disturbo post-traumatico da stress. “È una possibilità reale”, assicura la dottoressa.

“Il progetto punta ad aiutare questi bambini a prevenire disturbi secondari al trauma, ovvero i disturbi post traumatici da stress”, spiega Romeo a TPI. “Il trauma può essere dovuto al ricovero in ospedale dei bambini o all’eventuale ricovero dei familiari, o all’essere venuti a conoscenza del ricovero di parenti stretti. Tutte cose che possono averli impauriti o traumatizzati”. Ad avere bisogno di supporto possono essere anche i genitori, che spesso – dice la dottoressa – “sono impauriti, terrorizzati perché non sanno cosa può succedere, in più temono che i bambini possano avere delle conseguenze, che possano essere più fragili”.

Ma come fare a capire se un bambino o un ragazzo rischia di sviluppare questi disturbi? “I pazienti più piccoli ovviamente non manifestano grandi sintomi, in questi casi magari sono le famiglie a essersi preoccupate di più”, spiega la dottoressa. “I più grandi invece possono dimostrare e dire qualcosa di più rispetto agli altri. In generale, qualsiasi genitore che abbia dubbi, paure e timori può chiamare il nostro numero”. La telefonata è interlocutoria e poi, se opportuno, si stabilisce una consulenza psicologica per l’adulto o per il ragazzo, che si svolge online con gli psicologi e psicoterapeuti del progetto.

“Nel caso di famiglie fragili, per il contesto sociale in cui vivono, un disturbo traumatico può essere un fattore che porta a eventuali relazioni disfunzionali tra bambino e caregiver che, se non riconosciute per tempo, possono portare anche a maltrattamenti. Noi cerchiamo di prevenire, di arrivare prima che il vaso si rompa”, spiega la dottoressa. L’equipe multidisciplinare del TIMMI, composta da pediatri, psicologi e psicoterapeuti, infatti monitora e supporta bambini e genitori a distanza al fine di intercettare e gestire la presenza di eventuali comportamenti problematici, vissuti d’ansia, disturbi del sonno, irritabilità, o manifestazioni di paura. I componenti del gruppo “intercettano potenziali situazioni di rischio già in fase di accesso al Pronto Soccorso rilevando eventuali relazioni disfunzionali tra bambino e caregiver che, ove non riconosciute prontamente, potrebbero sfociare in maltrattamento”, come spiega Terre des Hommes nel comunicato stampa sul progetto. Inoltre, “lo staff coadiuva i medici al triage in fase di diagnosi e successivamente offre un supporto alle famiglie identificate come fragili”.

“Il progetto TIMMI, nato grazie a una donazione di Esselunga, è uno dei punti d’arrivo del lavoro svolto da Terre des Hommes negli ultimi 10 anni sul fronte del contrasto e prevenzione della violenza sui bambini, avviato con studi e analisi del fenomeno e successive azioni di sensibilizzazione rivolte alle istituzioni e al grande pubblico”, dice Federica Giannotta, Responsabile Progetti Italia di Terre des Hommes. “Troppo spesso la violenza sui bambini è difficile da riconoscere in molte delle sue forme, penso al neglect, alla violenza psicologica, alla shaken baby syndrome (su cui abbiamo lanciato la campagna NonScuoterlo di prevenzione e sensibilizzazione del grande pubblico). Per questo è così importante che gli Ospedali siano dotati di professionisti in grado di intercettarle e riconoscerle”. Il numero per contattare i referenti del progetto TIMMI è: 3336124572.

Leggi anche: 1. La vita dopo il lockdown: come ricomporre la nostra routine (e migliorarla) /2. Psicopandemia: la paura del Coronavirus e gli effetti psicologici su tutti noi / 3. Coronavirus, giovani e adolescenti in quarantena: i consigli dello psicoterapeuta / 4. Psicopandemia, Fase 2: il mondo fuori non è più quello di prima (e neanche noi lo siamo)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gubbio, esplosione in un capannone: un morto. Una donna è dispersa ma viva
Cronaca / La nave libica che ha sparato al peschereccio italiano era stata donata dall’Italia a Tripoli
Cronaca / Covid, 10.554 casi e 207 morti nell'ultimo giorno
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gubbio, esplosione in un capannone: un morto. Una donna è dispersa ma viva
Cronaca / La nave libica che ha sparato al peschereccio italiano era stata donata dall’Italia a Tripoli
Cronaca / Covid, 10.554 casi e 207 morti nell'ultimo giorno
Cronaca / Parma: operaio muore schiacciato da un contenitore di mangimi
Cronaca / Caso Cucchi, carabinieri condannati in appello a 13 anni
Costume / Cannabis gratis a domicilio: il rider che la distribuisce a chi ha un reddito basso
Cronaca / Milano, 12enne violentata e minacciata da un 20enne conosciuto su Instagram
Cronaca / Riccione, preside vieta i tacchi a scuola: “Troppe cadute, vogliamo tutelarci”
Cronaca / Il calendario della riaperture delle spiagge, regione per regione
Cronaca / Nel 2020 in Italia 96mila madri hanno perso il lavoro