Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

Strage di Carignano, morte cerebrale per la bimba di 2 anni unica sopravvissuta

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 11 Nov. 2020 alle 19:28
210
Immagine di copertina

Strage di Carignano, morte cerebrale per la bimba di 2 anni unica sopravvissuta

Due giorni fa, il 9 novembre, era stata l’unica sopravvissuta alla strage di Carignano, dove un padre di famiglia ha sparato alla moglie, ai due figli gemelli e al cane: oggi però per la piccola Aurora, 2 anni, è stata dichiarata la morte cerebrale. I medici del reparto di Rianimazione del blocco Covid dell’ospedale Regina Margherita di Torino, alle tre e mezza di oggi pomeriggio, hanno dato inizio al periodo di osservazione necessario prima di decretarne il decesso. La bambina si trovava lì perché era stato scoperto che era positiva al Covid-19.

Fin dal primo momento le sue condizioni erano apparse disperate: era arrivata in coma, ma nei due giorni successivi non ha mai registrato alcun miglioramento. Intubata, era stata definita inoperabile dai medici, visto che il proiettile le aveva trafitto il cervello. Oggi è stata riscontrata l’assenza di flusso al cervello e la morte cerebrale: il periodo di osservazione durerà, salvo miracoli, fino a stasera.

La bambina, come anche il fratello gemello Alessandro e la madre Barbara Gargano, era stata colpita domenica notte mentre dormiva dal padre, Alberto Accastello, con un colpo di pistola alla testa. L’uomo, prima di rivolgere l’arma contro se stesso, aveva sparato anche al cane, trovato senza vita nello sgabuzzino. A spingere l’uomo a sterminare la sua famiglia, secondo le dichiarazioni del compagno che la moglie aveva da qualche tempo, è stata la gelosia: “Lei si lamentava che lui la trascurava perché il marito pensava solo al lavoro – ha dichiarato l’uomo – e lei si era rivolta a un avvocato per le pratiche della separazione”.

210
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.