Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Stellantis si fa pubblicità gratis con due interviste-spot sui giornali degli Agnelli

Immagine di copertina

Il mattino del giorno della Befana ci siamo svegliati leggendo due interviste praticamente identiche su La Repubblica e La Stampa: i due quotidiani della galassia Gedi hanno entrambi interrogato l’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares. Impossibile non notare subito come il maggior azionista di Stellantis sia lo stesso di Gedi, ossia la holding Exor, di proprietà della famiglia Agnelli (tanto che il presidente della casa automobilistica, John Elkann, è lo stesso del gruppo editoriale).

La doppia intervista – concessa in contemporanea anche ad alcune testate straniere – è stata per Tavares l’occasione per annunciare una partnership fra Stellantis e Amazon sulle applicazioni software dei veicoli. Nel colloquio con i giornali “amici” il car manager si è lasciato andare a slanci di ottimismo («Sono entusiasta di quel che Stellantis ha davanti a sé») e proclami coraggiosi («Non ci vogliamo porre dei limiti») o persino spavaldi («Stiamo reinventando il futuro della mobilità»). E non ha dimenticato di rivolgere un appello alla politica («Per i prossimi 5 anni sarebbe bene che i governi sostenessero le vendite con degli aiuti»). Peccato che in entrambe le interviste non sia stato trovato spazio, invece, per ragionare sul futuro dei circa 70mila dipendenti italiani di Stellantis, che hanno trascorso il 2021 attendendo invano risposte su quale sia il loro ruolo nel nuovo gruppo nato dalla fusione tra Fca e Psa.

Vale la pena ricordare, ad esempio, che a Torino – dove è appena stato chiuso lo storico stabilimento di Grugliasco – la cassa integrazione va avanti no-stop dal 2013, che a Melfi l’anno si è chiuso (causa crisi dei chip) con un calo della produzione di un terzo o, ancora, che a Pomigliano è già tardi per sapere cosa accadrà dopo il pensionamento della Panda. Per non dire del sito di Atessa, che teme la delocalizzazione in Polonia, o di quello di Cento, dove si produce il motore endotermico, già dichiarato morto dall’Ue. No, di tutte queste incognite La Repubblica e La Stampa non hanno chiesto conto a Tavares. Meglio fare pubblicità all’azienda di famiglia.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Cronaca / Milano, violenze in piazza Duomo: tre indagati. Dicevano: “Quella dalla a me”
Cronaca / Torino, bambino di 10 anni muore per Covid: “Non si era potuto vaccinare per un problema di salute”
Cronaca / Arezzo, operaio 51enne muore incastrato in un macchinario
Cronaca / Covid, Capobianchi: “L’infezione si spegnerà ma una nuova variante potrebbe sparigliare le carte”
Cronaca / "Ebreo di me**a, devi morire": bambino insultato e preso a calci da due 15enni