Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Terni, lo spacciatore dei due ragazzi morti nel sonno confessa: “Ho dato metadone”

Immagine di copertina

Terni, ragazzi morti nel sonno, lo spacciatore arrestato confessa

Ha confessato il ternano di 41 anni sottoposto a fermo dai carabinieri nella tarda serata di ieri, martedì 7 luglio, con l’accusa di avere ceduto un mix di sostanze che ha provocato la morte di Flavio Presuttari e Gianluca Alonzi, due ragazzi di 15 e 16 anni trovati cadavere nelle loro case in due quartieri diversi di Terni. L’avvocato Massimo Carignani, difensore dell’uomo, ha dichiarato: “Ha ammesso dal primo momento di avere ceduto loro del metadone, lo stesso che gli viene fornito presso il Sert, essendo seguito come tossicodipendente”. Il legale ha confermato a Fanpage.it che l’uomo ha ammesso tutte le sue responsabilità: “Ha confessato ed è stato collaborativo. È distrutto e credo che vada controllato a vista perché potrebbe compiere gesti estremi”.

A casa del 41enne, che si trova ora nel carcere di Sabbione, è stato sequestrato materiale ritenuto di interesse investigativo. E domani mattina, davanti al giudice Barbara Di Giovannantonio, è prevista l’udienza di convalida del fermo.

Secondo quanto è emerso dalla conferenza stampa di questa mattina sarebbe stato determinante il ruolo giocato dagli amici delle due vittime. Il Procuratore Alberto Liguori ha spiegato: “I giovani non mentono e ci hanno condotto verso il sospettato. I ragazzi ci hanno anche aiutato sulla ricostruzione della sostanza drogante, questa cosa è allarmante. Ho scoperto da loro che la codeina ha un colore violaceo, invece il metadone è biancastro. È preoccupante che i ragazzi abbiano questo tecnicismo”. I due ragazzi lunedì sera, intorno alle 22, erano al campo di calcio “ma loro non giocavano perché stavano male. Un effetto così letale che colpisce due giovani in salute deve farci riflettere e stiamo supponendo che potrebbero poter assunto questo mix letale a stomaco vuoto”. Il Procuratore Liguori ha aggiunto: “Abbiamo una responsabilità collettiva per quello che è accaduto. Forse non siamo stati del tutto capaci di fare il nostro dovere”.

Leggi anche: Terni, incredibile doppia tragedia: morti nel sonno due adolescenti amici in zone diverse della città
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Salerno, bimbo di cinque mesi dimesso dall’ospedale muore poco dopo
Cronaca / Bimbi dell’asilo nido maltrattati, indagate cinque maestre e la titolare: “Sbattuti per terra per costringerli a stare seduti”
Cronaca / Neo mamma vince 100mila euro alla lotteria degli scontrini subito dopo aver partorito
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Salerno, bimbo di cinque mesi dimesso dall’ospedale muore poco dopo
Cronaca / Bimbi dell’asilo nido maltrattati, indagate cinque maestre e la titolare: “Sbattuti per terra per costringerli a stare seduti”
Cronaca / Neo mamma vince 100mila euro alla lotteria degli scontrini subito dopo aver partorito
Cronaca / “Perché proprio io?”: il risveglio del ragazzo sopravvissuto all’incidente sulla Nomentana
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Cronaca / “Siamo sicuri che Messina Denaro sia un assassino?”: bufera su un tweet di Vittorio Feltri
Cronaca / Dai peluche ai poster del Padrino e di Joker: le immagini del covo di Messina Denaro | VIDEO
Cronaca / Preferisce il carcere ai servizi sociali: “Riportatemi in cella, lì si fatica di meno”