Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

“Pestaggi in carcere? Non sono schegge impazzite, sistema induce alla degenerazione”: parla il sindacato della polizia Penitenziaria

Immagine di copertina
Credit: Frame del video esclusivo del quotidiano Domani

“Sono stati giorni terribili, i familiari ci chiamavano giorno e notte”, Pietro Ioia, garante dei detenuti di Napoli, ricorda in questo modo i giorni che seguirono quel 6 aprile 2020, in cui nel carcere di Santa Maria Capua Vetere si consumò quella che i detenuti definiscono “una mattanza”. “I problemi nelle carceri ci sono sempre stati, ma qui stiamo parlando di detenuti che avevano fatto un accenno di rivolta, sono stati picchiati senza pietà. – ricorda Ioia – Durante quel periodo c’era agitazione pure nel carcere di Secondigliano, ma non successe tutto questo”.

“Abbiamo fiducia nella magistratura, ma quelle sono immagini agghiaccianti. Conosco quel metodo, l’ho subito sulla mia pelle”, prosegue Ioia che ricorda il suo passato da detenuto.  “In carcere bisogna tenere gli occhi aperti, ma voglio comunque ricordare che parliamo ancora di mele marce, la stragrande maggioranza delle guardie è composta da persone che fanno un lavoro sodo con diligenza. Lavorano in condizioni difficili e ormai una riforma della giustizia sia della penitenziaria sia inevitabile, perché oggi ci troviamo di fronte a un fatto senza precedenti. Questa è la punta dell’iceberg”.

Dello stesso avviso sembra essere Gennarino De Fazio, Segretario Generale del sindacato Uilpa della Polizia Penitenziaria che a TPI commenta le immagini riproposte dai video del quotidiano Domani. “Credo che, al di là della violenza di quella di quelle immagini che possono essere esplicite, riprendono una parte di quello che accaduto, noi non sappiamo tutto quello che è successo prima o dopo. Con questo non voglio sminuirne la gravità; è chiaro che lì qualcosa è successo che non doveva succedere. Partirei però non dall’ultimo anello, ossia da chi ha compiuto materialmente le violenze, ma dall’organizzazione complessiva”.

Secondo De Fazio, “il fatto stesso che tra loro ci sia il provveditore regionale, persona ritenuta illuminata rispetto alle politiche penitenziarie, la dice lunga su quello che può essere il tipo di organizzazione dell’amministrazione penitenziaria. Santa Maria C.V. è solo l’ultimo di altri episodi eclatanti. Allora – posto che qualcosa sia successo effettivamente – non si può neanche parlare di schegge impazzite o di persone servitori dello Stato che deliberatamente pensano di produrre quel tipo di reati. Probabilmente è un sistema che non funziona, che induce alla degenerazione; non va sottaciuto peraltro che la polizia penitenziaria subisce in media due aggressioni al giorno, ma questo ovviamente non giustifica simili comportamenti”.

“In un sistema in cui la violenza viene accettata e compresa come parte del sistema, senza che lo Stato intervenga, allora forse qualcuno viene portato a pensare che il carcere sia un territorio a sé. Che forse la violenza è ammessa. Probabilmente chi ha commesso quegli errori credeva di essere nel giusto, non so spiegare come sia successo questo con le telecamere. Certo è che il sistema non funziona, bisogna ripensare l’amministrazione penitenziaria e anche l’architettura del corpo di polizia penitenziaria. Chi ha sbagliato va isolato e perseguito”, conclude De Fazio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto lo stilista Renato Balestra, aveva 98 anni
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Cronaca / Il video di un poliziotto che prende a calci e manganella un 24enne ubriaco nel centro di Rieti | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / È morto lo stilista Renato Balestra, aveva 98 anni
Cronaca / Tragedia Ischia, il governo si contraddice: Salvini annuncia 8 vittime, Piantedosi e il prefetto lo smentiscono
Cronaca / Il video di un poliziotto che prende a calci e manganella un 24enne ubriaco nel centro di Rieti | VIDEO
Cronaca / Cade da una nave da crociera e sopravvive in acqua per ore: “È un miracolo”
Cronaca / Maltempo, frana a Ischia: morta una donna, 11 i dispersi. Ritrovata la famiglia con il neonato
Cronaca / Il caso Rossignoli e l’equivoco sul merito
Cronaca / Trapani, brutale aggressione in centro storico: donna picchiata e abbandonata in una pozza di sangue
Cronaca / Offriva la moglie ai clienti per pagare le bollette: fruttivendolo a processo per sfruttamento della prostituzione
Cronaca / Reggio Emilia, infila la testa della moglie nel forno: arrestato 60enne
Cronaca / Eutanasia, Marco Cappato torna in Svizzera per un nuovo suicidio assistito: “È disobbienza civile”