Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Silvia Romano ha denunciato un prete per pedofilia nove giorni prima di essere rapita”: la rivelazione a Le Iene

Immagine di copertina

Silvia Romano, nove giorni prima di essere rapita, si sarebbe recata a Malindi per denunciare un prete per pedofilia. Secondo quanto rivelato da Le Iene si tratterebbe di un pastore che aveva rapporti con con le bambine del villaggio dove si trovava la cooperante, e di cui anche altri volontari hanno denunciato i comportamenti nei confronti delle ragazzine. Questi ai microfoni della trasmissione in onda su Italia 1 hanno parlato di “palpeggiamenti e strusciamenti, cose assolutamente non consone per nessuno, soprattutto per un prete”. “All’inizio me ne sono accorto solo io – ha raccontato un volontario – e poi l’ho detto a Silvia e all’altra volontaria, e siamo stati tutti più attenti. Abbiamo visto le ragazzine che entravano nella stanza di quest’uomo e ci stavano pochissimo, due, tre, cinque minuti. Non so fino a che punto arrivasse, però atti pedofili c’erano eccome”.

Questo, comunque, non è l’unico punto d’ombra intorno al rapimento della 24enne di Milano, del quale si continua a discutere a più di dieci giorni dalla liberazione e dal ritorno in Italia di Silvia. Proseguono infatti le indagini su Africa Milele, la onlus per cui la giovane lavorava e che la avrebbe mandata in Kenya senza tutte le necessarie tutele e protezioni; lei stessa ha raccontato che il masai che doveva prendersi cura di lei, marito della fondatrice dell’associazione Lilian Sora, non agì quando Silvia era ricercata da due uomini del villaggio. Secondo quanto riportano sempre Le Iene, inoltre, esisterebbe un’altra figura sospetta, quella di Tiziana Beltrami, che “a Malindi gestisce insieme con il marito Roberto un notissimo ristorante e locale da ballo, il Karen Blixen, che è diventato un punto di ritrovo per la movida malindina e in particolare per gli italiani”. La donna, “referente logistica de facto di Africa Milele”, in passato sarebbe stata accusata di truffa aggravata.

Leggi anche:

1. “Silvia Romano non è una cooperante. Le ‘Ong’ fai-da-te mandano giovani come lei allo sbaraglio” / 2. AUDIO SHOCK | “Domani lo arrestano”: prima di sparire, Silvia Romano avrebbe denunciato un caso di pedofilia /3. Volevate l’italianissima Silvia Romano che raccontasse quanto è brutta e sporca l’Africa ma siete rimasti delusi (di L. Tomasetta)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Proteste no green pass: domani attese 20mila persone a Trieste. Genova, sgomberato presidio al porto
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Cronaca / Obbligo vaccinale per personale medico, la sentenza del Consiglio di Stato: “È legittimo”