Covid ultime 24h
casi +11.629
deceduti +299
tamponi +216.211
terapie intensive +14

Padova, bambino di 5 mesi in coma dopo essere stato scosso perché non riusciva a dormire: si valuta morte cerebrale

Il piccolo è ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di Padova mentre la madre, una 29enne vicentina, è ora indagata per lesioni aggravate

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 24 Dic. 2019 alle 16:47 Aggiornato il 25 Dic. 2019 alle 08:14
451
Immagine di copertina

Padova, scuote il figlio perché non dorme: neonato di 5 mesi in coma

Un bambino di 5 mesi è in coma da sabato scorso, ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Padova, dopo essere stato scosso violentemente da sua madre che non riusciva ad addormentarlo. I medici hanno domandato alla commissione un intervento per la morte cerebrale. È successo nella casa di famiglia della donna, una 29enne, a Maestrino, in provincia di Padova.

La donna di origini vicentine, che ha raccontato ai carabinieri e al magistrato Roberto Piccione di aver “cullato troppo forte” suo figlio che non riusciva ad addormentarsi, è ora indagata per lesioni gravissime aggravate. Dopo averlo scosso ed essersi accorta che il piccolo, a un certo punto, non respirava più, ha chiamato il 118.

Come spiegato da Repubblica, il caso potrebbe rientrare, se la morte cerebrale del bambino venisse infine decretata a seguito della visita dei delegati della Procura, nella “Baby shake syndrome”, la sindrome del bambino scosso che provoca appunto gravi danni neurologici. Si tratta di una pratica, quella di scuotere i bambini, assolutamente sottovalutata per quanto riguarda i suoi effetti tragici, motivo per cui di recente è stata promossa una campagna di sensibilizzazione dal titolo “Non scuoterlo mai!”.

Il “trauma cranico abusivo”, come è anche definito, per tempo è stato sottovalutato anche dai pediatri e riguarda principalmente bambini al di sotto dei 2 anni di vita. Le conseguenze, a seguito di quello che è un vero e proprio maltrattamento fisico che avviene per calmare un pianto ininterrotto, possono essere drammatiche. Ciò che viene causato al neonato, infatti, è un trauma all’encefalo con conseguenze neurologiche importanti in quanto, nei primi mesi di vita, i muscoli cervicali del collo non riescono a sostenere il peso della testa in quanto ancora deboli.

A seguito di forti scosse il cervello inizia a muoversi all’interno della scatola cranica e questo può provocare gonfiore, sanguinamento dei tessuti o ecchimosi.

Leggi anche:

Un papà ha ucciso il suo neonato scuotendolo ripetute volte e rompendogli il cranio

Neonati in crisi d’astinenza da cocaina: decine di casi in Italia nel giro di poche settimane

451
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.