Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Savona, gli insulti razzisti al volontario della Croce Rossa nato in Ghana: “Sporchi la divisa che indossi”

Immagine di copertina

Le offese a un ragazzo 25enne a Loano, durante una sagra

Savona, insulti razzisti a un volontario nato in Ghana

Insulti razzisti a un volontario della Croce Rossa nato in Ghana per il colore della pelle: è il vergognoso episodio accaduto in provincia di Savona, a Loano. La vittima delle offese è Umar Ghuni, un ragazzo 25enne che lavora nel Savonese, assunto regolarmente in una cooperativa e che impiega molto del suo tempo al volontariato. Sabato scorso, 3 agosto, con la divisa della Croce Rossa, si è sentito dire: “Sporchi la divisa che indossi”.

La vicenda è stata raccontata da diversi media locali. Il 25enne si trovava con gli altri militi della Croce Rossa di Loano a una sagra organizzata per autofinanziamento sul lungomare del Comune del Savonese. “Più bruschette per una nuova ambulanza”, è il messaggio lanciato dai volontari. Umar stava offrendo alcuni gadget.

Non era certamente il primo ricevuto da Umar: si tratterebbe almeno del quarto, quinto episodio. E non solo nei suoi confronti, ma anche nei confronti di un altro ragazzo straniero.

> Le notizie di cronaca di TPI

A raccontare l’episodio degli insulti razzisti è stata la vice presidente del comitato loanese Sara Canepa. Umar – ha spiegato a IVG –  “ha deciso di passare il suo tempo libero aiutando le persone. Per poter accedere e diventare volontario presso la nostra associazione ha portato a termine un lungo percorso di oltre 6 mesi che hanno compreso corsi, esami e tirocinio. È un ragazzo lavoratore, che passa il suo tempo libero aiutando le persone e lo fa sempre con il sorriso, anche quando viene insultato, perché la sua spiegazione fa inorridire: ‘È normale che mi insultino perché io sono nero’. Una frase che racchiude in sé la rassegnazione di un ragazzo solo, lontano dagli affetti”.

> Fossano (Cuneo), il sindaco leghista chiude la fontana: “I nomadi la usano come bagno”

I colleghi spiegano che l’insulto “non ha alcuna ragione di esistere e non offende solo lui, ma tutto il Comitato intero che da anni opera sul territorio”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / “La biblioteca che batte l’algoritmo”: intervista a Maranesi, il rettore più giovane d’Italia
Cronaca / Militante della Lega arrestata per traffico di droga: sequestrati 450 chili di hashish
Cronaca / Le università sono diventate delle palestre di sfruttamento
Ti potrebbe interessare
Cronaca / “La biblioteca che batte l’algoritmo”: intervista a Maranesi, il rettore più giovane d’Italia
Cronaca / Militante della Lega arrestata per traffico di droga: sequestrati 450 chili di hashish
Cronaca / Le università sono diventate delle palestre di sfruttamento
Cronaca / La guerra quotidiana nelle scuole di periferia
Cronaca / Controlli dei Nas in tutta Italia, 281 sanitari lavoravano senza vaccino. Sospesi
Cronaca / “Se non ti laurei sei un fallito”: ritratto di una generazione schiacciata dal successo a ogni costo
Cronaca / Super Green pass, cosa cambia dal 6 dicembre: tutte le regole | VIDEO
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Cronaca / Biella, va a fare il vaccino con un avambraccio in silicone: scoperto e denunciato
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%