Covid ultime 24h
casi +15.204
deceduti +467
tamponi +293.770
terapie intensive -20

Salerno, perde il controllo del motorino e si schianta sull’asfalto: muore a 33 anni la giornalista Marta Naddei

Forse una folata di vento, forse una buca: ancora non sono chiare le motivazioni che hanno destabilizzato il moto di Marta Naddei, morta dopo lo schianto sull'asfalto a Salerno

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 29 Dic. 2019 alle 10:35 Aggiornato il 29 Dic. 2019 alle 12:04
302
Immagine di copertina

Salerno, incidente col motorino: muore a 33 anni la giornalista Marta Naddei

Stava rientrando a casa sul suo motorino ma è rimasta vittima di un fatale incidente: Marta Naddei, 33 anni, giornalista di Salerno ha perso il controllo del suo scooter e si è schiantata contro l’asfalto sul lungomare Marconi.

L’incidente è avvenuto intorno alle 3.30 della notte tra il 27 e il 28 dicembre. La giovane campana, firma de “Le Cronache” e “L’Ora di Cronache”, è deceduta nel pomeriggio del 28 dicembre.

Trasportata d’urgenza all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, i medici l’hanno ricoverata in rianimazione, facendo il possibile per salvarla.

La giornalista Marta Naddei se ne va lasciando il suo nome legato a numerose inchieste e al libro “Il sistema Salerno – La cupola del potere tra politica e imprenditoria”, scritto a quattro mani insieme al collega Andrea Pellegrino.

“Marta se n’è andata e nessuno ci crede. Marta aveva 33 anni. Ma sapeva averne 60 quando rifletteva sul senso della vita e delle cose e 16 quando prendeva in giro qualcuno con quel sarcasmo che ci mancherà da morire. Marta aveva la testa dura, aveva il suo modo di fare ed interpretare le cose. Aveva anche un cuore enorme, sempre pronta a dare una mano a chi gliela chiedeva, senza guardare l’orario o la testata di appartenenza”: sono le commoventi parole della giornalista e amica Carmen Incisivo che scrive così sul Mattino.

“Marta amava le t-shirt di gruppi musicali – ne aveva a decine e le esibiva con fierezza precisando “voi non capite niente” – e i guanti con le dita tagliate a metà, prendeva il caffè con due bustine di zucchero ed era l’unica deputata a pagarlo, il caffè. Aveva fatto del suo mestiere la sua ragione di vita”.

Leggi anche:

Incidenti mortali, a Roma è strage di pedoni: investito uno ogni 14 ore

Incidente a Roma, le prime parole di Pietro Genovese dopo la morte di Gaia e Camilla: “Non le ho viste”

Pietro Genovese, chi è il figlio del regista che ha investito le due ragazze a Roma

Chi erano Gaia e Camilla, le due ragazze investite e uccise nei pressi di Ponte Milvio a Roma

302
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.