Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Niente minigonna a scuola, la vicepreside del Liceo Socrate di Roma si difende: “Sono stata fraintesa”

Immagine di copertina

Niente minigonna a scuola, la vicepreside si difende

La vicepreside del Liceo Socrate di Roma protagonista della polemica sulla minigonna a scuola ha cercato di chiarire il senso del consiglio dato alla sua studentessa in un’intervista a Repubblica. La frase che ha scatenato la dura reazione delle alunne e un’ondata di indignazione, è stata “Niente minigonna a scuola, sennò ai prof gli cade l’occhio”. Le studentesse hanno gridato al sessismo e organizzato una protesta, sostenendo che il loro corpo non poteva essere ridotto a un oggetto. Ma ora la vicepreside si è difesa: “È stato un discorso di sguardi, ho semplicemente trasmesso loro quello che stava accadendo a me in quel momento. La persona che hanno di fronte, anch’essa costretta a una posizione fissa per via del distanziamento, si può trovare durante il suo lavoro a dover decidere di direzionare il suo sguardo a destra e a sinistra, in alto e in basso. E potrebbe trovarsi difficoltà nel pensare di posare questo sguardo in un punto che gli crea imbarazzo”, ha affermato.

“Nel 2020 vorrei che il messaggio fosse di una reale parità tra i generi che non passa attraverso i centimetri degli indumenti ma attraverso le possibilità che le donne accedano alle stesse possibilità lavorative degli uomini. In questo senso, da madre di due figlie, mi sento molto femminista”, ha assicurato. Il senso del suo richiamo, ha spiegato la vicepreside, era quello diCercare di immedesimarsi nell’altro e nell’altra”. “Anche nell’altra, perché questo è un discorso che vale per tutti i docenti, uomini e donne. Tutti si potrebbero trovare in una situazione di difficoltà”, ha assicurato la donna al quotidiano.  “Mi dispiace che questo equivoco non sia stato chiarito sul nascere”, ha aggiunto.

Leggi anche: Roma, vicepreside: “No minigonne, sennò ai prof cade l’occhio”. Studentesse scoprono le gambe per protesta

Qui le altre notizie di cronaca
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Cronaca / Tutto quello che sappiamo sulla nuova variante individuata in Sudafrica | VIDEO
Cronaca / Covid, dal 6 dicembre arriva il green pass rafforzato: ecco cosa cambia
Cronaca / Walter Schiavone, si pente anche il secondo figlio del boss “Sandokan”
Cronaca / Bus turistici: incentivi per andare verso mezzi green
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Cronaca / Il metallaro Pillon a duello con i Maneskin: “Io suonavo roba più dura”
Cronaca / In due settimane triplicate le classi in quarantena in Lombardia. Sono quasi mille