Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Lista di “filo-putiniani”, è giallo sulla provenienza del dossier attribuito al Copasir. Il presidente: “Non ne sapevo niente”

Immagine di copertina

La presunta “rete di Putin” svelata dal Corriere della Sera è finita nel mirino dopo che il Copasir ha smentito la paternità dell’indagine attribuita da via Solferino al Comitato parlamentare. “La rete è complessa e variegata. Coinvolge i social network, le tv, i giornali e ha come obiettivo principale il condizionamento dell’opinione pubblica (…) La rete filo-Putin è ormai una realtà ben radicata in Italia, che allarma gli apparati di sicurezza perché tenta di orientare, o peggio boicottare, le scelte del governo. E lo fa potendo contare su parlamentari e manager, lobbisti e giornalisti. L’indagine avviata dal Copasir è entrata nella fase cruciale”, scriveva il quotidiano il 5 giugno scorso.

Ma dopo poco è arrivata la smentita del Copasir. “La lista – ha detto il presidente in quota FdI Alfonso Urso – l’ho letta sul giornale, io non la conoscevo prima. Noi abbiamo attivato un’indagine alla fine della quale, ove lo ritenessimo, produrremo una specifica relazione al Parlamento”. A fare eco alle dichiarazioni di Durso il sottosegretario con delega per la sicurezza Franco Gabrielli, il quale ha chiarito che i Servizi italiani non hanno mai “stilato una lista di politici, giornalisti, opinionisti o commentatori, né hanno mai svolto attività di dossieraggio”. Gabrielli ha spiegato che di recente si è riunito un tavolo di lavoro interministeriale istituito nel 2019 per individuare contenuti riconducibili al fenomeno della disinformazione, che non riguarda però i singoli soggetti. Secondo l’ex capo della polizia le indiscrezioni sarebbero dunque “destituite di ogni fondamento”.

Ad essere accusati di far parte della “galassia filorussa” c’erano “i soliti noti“: il professore della Luiss Guido Carli e firma del Fatto Quotidiano Alessandro Orsini, l’ex presidente della Commissione Esteri del Senato, Vito Petrocelli, ma anche Pietro Benassi, rappresentante diplomatico italiano presso l’Ue ed ex consigliere diplomatico di Conte a Palazzo Chigi. E ancora: freelance, economisti, influencer e attivisti politici che secondo il dossier in mano al Corriere interverrebbero nei momenti cruciali del conflitto, quelli in cui Mosca è in difficoltà, per influenzare l’opinione pubblica e interpretare le informazioni a favore del Cremlino. Una vera “macchina della controiformazione” che “nei momenti chiave attacca i politici pro Kiev e sostiene quelli dalla parte dei russi”, scrivevano le croniste che si sono occupate dell’inchiesta.

Un documento sarebbe in effetti arrivato sulla scrivania di Urso, ha poi dichiarato il presidente del Copasir, ma solo ieri mattina – tre giorni dopo la pubblicazione del pezzo – e dal contenuto classificato. È giallo dunque sulla provenienza della lista, che il quotidiano aveva definito “materiale dell’intelligence”. “Questa lista dei filoputiniani pubblicata dal Corriere è una cosa vergognosa. Una volta i giornali i dossieraggi li svelavano e li denunciavano, non facevano da buca delle lettere e da ventilatore per spargere lo sterco in giro per la rete e per le edicole”, ha commentato a “Dimartedì” (La7) il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio. Intanto alcuni membri della presunta “rete” hanno già annunciato l’intenzione di querelare il quotidiano nato a Milano.

“Farò causa al Corriere della Sera. Anche per tutti i miei colleghi liberi che devono subire le prepotenze di Luciano Fontana. E per i tanti adolescenti che credono in un Paese più libero e onesto di quello in cui viviamo”, ha fatto sapere Orsini. Anche il fotografo freelance Giorgio Bianchi – definito “noto freelance italiano presente in territorio ucraino con finalità di attivismo politico-propagandistico filorusso” – ha detto di voler denunciare via Solferino: “Querelo sicuramente”, ha dichiarato.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar
Cronaca / Iscritta all’università da 18 anni senza laurearsi, il giudice: “Stop ai soldi del padre”
Cronaca / Covid, aumentano i casi e i ricoveri. Speranza: “Mascherine raccomandate, in autunno vaccino per le varianti”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / A Torino la prima laurea nel Metaverso: Edoardo all’esame dal vivo e con l’avatar
Cronaca / Iscritta all’università da 18 anni senza laurearsi, il giudice: “Stop ai soldi del padre”
Cronaca / Covid, aumentano i casi e i ricoveri. Speranza: “Mascherine raccomandate, in autunno vaccino per le varianti”
Cronaca / Bambina di cinque anni ascolta la voce di Gigi D’Alessio e si risveglia dal coma
Cronaca / Saldi estivi 2022: il calendario regione per regione. Date, inizio
Cronaca / Salva moglie e figli in mare ma ha un infarto: muore papà eroe
Cronaca / Venezia, si entra su prenotazione: da agosto la sperimentazione. Nel 2023 arriva il ticket
Cronaca / Paola Turci vittima di insulti omofobi dopo l’annuncio del matrimonio con Francesca Pascale
Cronaca / Pirlo beffato dall’oligarca russo a Forte dei Marmi: versa la caparra di mezzo milione ma niente villa
Cronaca / Genova, cameriera chiede il pagamento dello stipendio: “Picchiata dai titolari del ristorante”