Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Ragazzo si addormenta sul materassino in Sicilia: “Stavo per morire di freddo, non capisco perché non mi abbiano trovato prima”

Immagine di copertina

Luigi Vazzana racconta la sua verità sulla scomparsa in materassino in un'intervista

Il ragazzo che si è addormentato sul materassino ed è scomparso tra la Calabria e lo stretto di Messina racconta la sua verità.

“Stavo per morire di freddo. Non capisco perché non mi abbiano trovato prima”, dice Luigi Vazzana, 28 anni, che si è addormentato sul materassino a Scilla, in Calabria, ed è stato trascinato dalle correnti a largo fino ad arrivare verso lo stretto di Messina.

Vazzana se la prende con i soccorritori: “Devo la vita a me stesso, perché sono stato capace di non perdere la testa, di usare il cervello e risparmiare le forze”, ha raccontato al Corriere della Sera.

“Dopo essermi tuffato, portandomi dietro il materassino, mi sono sdraiato a pancia in su e forse, ho avuto un colpo di sole, insomma sono svenuto. Mi sono svegliato dopo circa venti minuti che ero già distante dalla riva. Ho cercato di girarmi ma, nel farlo, ho notato che il materassino si era bucato”.

Il ragazzo racconta la sua verità sulla vicenda del materassino in un’intervista: si è addormentato sul suo materassino ed è stato trascinato a largo dalle correnti abbandonando le acque di Scilla (Reggio Calabria) per poi risvegliarsi nello Stretto di Messina.

“Quando mi sono accorto di essermi allontanato dalla riva mi sono stretto il materassino bucato al petto, per ripararmi dal freddo. Non ho visto nessuna nave o imbarcazione passare nelle vicinanze. Non ho pensato di morire annegato, piuttosto per ipotermia. Sentivo il corpo ghiacciato, i denti battevano da soli. Ho persino vomitato”, racconta ancora Vazzana.

A segnalare l’improvvisa scomparsa del ragazzo sabato pomeriggio è stato un amico, che ha denunciato la scomparsa alla Capitaneria di porto. Dopo 9 ore di ricerca, ormai a notte fonda, il ventottenne disperso è stato finalmente rintracciato: il ragazzo è spuntato quasi a Messina ed è stato tratto in salvo dalla guardia costiera, che ha trovato il 28enne ancora aggrappato al suo materassino.

Si addormenta sul materassino a Scilla, si risveglia vicino Messina
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Cronaca / Tutto quello che sappiamo sulla nuova variante individuata in Sudafrica | VIDEO
Cronaca / Covid, dal 6 dicembre arriva il green pass rafforzato: ecco cosa cambia
Cronaca / Walter Schiavone, si pente anche il secondo figlio del boss “Sandokan”
Cronaca / Bus turistici: incentivi per andare verso mezzi green
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Cronaca / Il metallaro Pillon a duello con i Maneskin: “Io suonavo roba più dura”
Cronaca / In due settimane triplicate le classi in quarantena in Lombardia. Sono quasi mille