Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

Cremona, ragazzi organizzavano risse sui social, dandosi appuntamento in strada

Di Francesca Ceccarelli
Pubblicato il 6 Lug. 2019 alle 09:24 Aggiornato il 6 Lug. 2019 alle 09:28
0
Immagine di copertina
Credit: Youtube/ La Provincia di Cremona

Ragazzi si danno appuntamento sui social per provocare delle risse, in centro a Cremona.

Cambiano i tempi e anche il modo di delinquere. A Cremona i Carabinieri hanno scoperto un giro di giovani boss che organizzavano risse usando i social.

Da tempo il centro della città era infestato da scene di violenza più volte segnalate dai cittadini: da qui sono partite le indagini.

Instagram o il nuovo social che garantisce l’anonimato Thiscrush, le piattaforme da cui “la family” organizzava gli incontri e le risse.

Lo scopo? Aumentare i follower con le loro prestazioni picchiando sempre e comunque, anche vittime sconosciute.

Durante uno di questi raid, i carabinieri di Cremona sono intervenuti arrestando sette ragazzi, tra i 15 e i 18 anni e denunciandone altri 18.

Cremona rissa social
Credit: www.thiscrush.net

Cremona risse social | Cremona.dissing

Molti dei video che ritraevano i pestaggi venivano caricati sul profilo Instagram Cremona.dissing per poi essere commentati ed esposti come vero e proprio trofeo di violenza. I ragazzi organizzavano delle vere e proprie risse sui social da disputare per le vie di Cremona.

Sull’applicazione ThisCrush poi, i ragazzi creavano delle chat esclusive e private dove commentare e seguire le “jumpate”: così nel loro gergo venivano definite le aggressioni.

Ripercorrendo quindi questa fitta rete social, le forze dell’ordine hanno attribuito alla giovane gang molti degli atti di vandalismo, spaccio e violenze varie perpetrate negli ultimi tempi ai danni della comunità locale.

Garlasco, litiga con la compagna e la getta giù dal balcone: la donna salvata dai carabinieri, l’aggressore arrestato

Domatore ucciso dalle tigri, pioggia di insulti alla vittima morta a Bari: “Ti sta bene”

Giovane skipper italiano disperso nell’Oceano Atlantico

“Torna in Germania, Carola tr**a”: insulti sull’auto di un turista tedesco

Pavia: ragazza indiana sequestrata in casa dalla famiglia per non farle vedere il fidanzato

Omicidio Varani, Cassazione conferma la condanna a 30 anni per Manuel Foffo

Stromboli: violente esplosioni dal cratere del vulcano. Recuperato il corpo dell’escursionista morto

Bullizzata a scuola, si toglie la vita a 11 anni, la rivelazione: “L’insegnante era complice”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.