Foto hot, ricatti e stupro di gruppo: quindicenne palermitana abusata dal fidanzato e da due amici

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 9 Lug. 2019 alle 13:05
0
Immagine di copertina

Quindicenne violentata Palermo – Una quindicenne subisce gli abusi di tre compagni di scuola. Accade a Palermo nel novembre scorso. I tre 19enni sono stati arrestati con l’accusa di violenza sessuale. La ragazza quindicenne violentata a Palermo conosceva uno dei tre con cui aveva una relazione. Lui le chiede di farsi una foto con abbigliamento intimo e lei accetta. Inizia come un gioco erotico ma diventa presto un ricatto. Il fidanzato da quel momento comincia a minacciarla e l’incubo ha inizio. Se non soddisferà tutte le sue richieste la foto finirà online. Lei non ha la forza di dire di no.

A novembre le minacce si fanno più pesanti: il fidanzato vuole che la ragazza abbia rapporti sessuali con lui e con i suoi due amici.

La violenza si consuma prima in una zona di corso Calatafimi, poi in in un parcheggio di via Gaetano La Loggia, tra i viali dell’Ex manicomio. La denuncia della minorenne arriva con l’aiuto di una segnalazione della scuola. I tre hanno agito in gruppo, violentandola a turno ripetutamente.

Le prove sono nella chat e nei numerosi messaggi in cui il ragazzo chiedeva alla giovanissima di soddisfare i suoi desideri. I pubblici ministeri del pool della procura di Palermo iniziano subito con le indagini, effettuate dai carabinieri della compagnia di San Lorenzo e coordinate dal procuratore aggiunto Annamaria Picozzi. Il giudice dopo aver ricostruito l’orrore ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei tre 19enni. Le indagini preliminari sono già in corso.

Mantova: ragazza di 21 anni violentata dal branco e poi abbandonata per strada

Ragazza stuprata a Roma, si indaga per violenza sessuale di gruppo. Salvini: “castrazione chimica”

“Mi disse ‘stai zitta’ e mi violentò la notte di Natale mentre vomitavo”: Maria, drogata e stuprata dal cugino

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.