Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Pisa, ragazzino di 12 anni in ospedale dopo un calcio a scuola nelle parti intime: ipotesi bullismo

Immagine di copertina

Ipotesi bullismo | Pisa | Ragazzino di 12 anni aggredito | Calcio nelle parti intime

BULLISMO RAGAZZINO AGGREDITO PISA – La procura di Pisa indaga sull’aggressione subita a scuola da un ragazzino di 12 anni emersa dopo la denuncia dei genitori, e valuta l’ipotesi bullismo. La vicenda viene raccontata oggi dal quotidiano online Pisa Today. Il giovanissimo è stato per mesi oggetto di insulti e derisioni via Whatsapp prima di subire la vera e propria aggressione culminata con il calcio nei testicoli da parte di un compagno, costato il ricovero e un’operazione d’urgenza in ospedale.

Pisa | Ragazzino di 12 anni aggredito da un coetaneo: ipotesi bullismo

L’indagine è scattata dopo la querela dei genitori. “Mio figlio ora sta meglio, ma la scuola dovrà rispondere di quanto accaduto”, ha dichiarato la mamma del dodicenne. “Mamma, ho dolore”, si sarebbe lamentato il ragazzino con la madre. Una frase che ha fatto scattare una corsa in ospedale appena usciti da scuola. Poi il ricovero e la notizia di un’operazione chirurgica. Fortunatamente le conseguenze fisiche non sono state irreparabili.

Dopo la denuncia è stata anche inoltrata una richiesta di risarcimento danni, ad una scuola media di Pisa.

> Le notizie di cronaca di TPI

A raccontare l’accaduto, con referti medici e documentazione alla mano, sono stati i genitori del bambino, convinti che “non è stato fatto abbastanza per evitare che si arrivasse a questo punto”.

Secondo i genitori il primo episodio risale ad ottobre e parte da una chat di Whatsapp. “Inizialmente – ha raccontato ancora la madre a Pisa Today – c’era un gruppo di classe, dove una bambina parlava male di Marco. Con lei c’erano stati già dei problemi l’anno prima, tanto che ebbi anche una discussione con la madre. Comunque per questa frizione hanno litigato, così lei ha creato un altro gruppo a parte dove ha aggiunto i compagni e chiesto loro di schierarsi contro mio figlio”.

La denuncia: accuse alla scuola

La denuncia dei genitori è stata presentata in Procura lo scorso 11 giugno, ed è diretta alla dirigente scolastica e ai genitori dell’aggressore, un coetaneo della vittima, con la richiesta di individuare anche tutti coloro che nel periodo preso in considerazione siano venuti a conoscenza di altri episodi vessatori e abbiano omesso di denunciarli.

Secondo la famiglia del ragazzino infatti “l’escalation di episodi poteva essere interrotta prima dalle autorità scolastiche e invece non è stato fatto nulla, eppure quando segnalai fatti circostanziati la dirigente scolastica mi chiese di non fare denuncia alla polizia postale, per una serie di insulti e derisioni iniziati a ottobre via Whatsapp, perché avrebbe gestito lei la situazione e risolto la questione”.

Gli episodi però sono proseguiti, sempre più gravi come quando – ha raccontato ancora la madre – a febbraio un compagno di classe lo ha ferito con una matita: “quel giorno ha pianto a lungo e vomitato più volte, ma la scuola non mi ha detto nulla”.

“Io ho saputo dell’episodio solo perché la mamma di un altro alunno mi ha chiamato per chiedermi come stesse mio figlio, sono subito andata a scuola scoprendo l’accaduto, ma anche in questa circostanza la dirigente scolastica ha minimizzato”.

L’ultima beffa – ha sottolineato ancora la donna – “è che le attività conclusive dell’anno scolastico prevedevano una rappresentazione sul fenomeno del bullismo: ecco, quella recita si è svolta regolarmente mentre mio figlio era in un letto di ospedale con un’agocannula in un braccio, proprio in conseguenza di quegli atti che la scuola dovrebbe contrastare e che lui ha provato a fare mettendo in pratica gli insegnamenti ricevuti in famiglia e anche dalle insegnanti durante alcuni cortometraggi girati a scuola su quelle tematiche”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Open Arms, Richard Gere sarà fra i testimoni nel processo a Salvini. Seduta rinviata al 17 dicembre
Cronaca / No green pass, ancora proteste a Roma: oggi due cortei non autorizzati. Nuovo presidio a Trieste
Cronaca / ESCLUSIVO - Gaia Padovani, primo medico non vedente in Italia: "Mi sto specializzando ma ora vogliono impedirmelo"
Cronaca / Covid, oggi 3.882 casi e 39 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Camilla è “morta per reazioni al vaccino AstraZeneca”, le conclusioni del medico legale
Cronaca / “Criminale senza scrupoli”: la garante dei detenuti di Ivrea paragona Draghi a Cesare Battisti
Cronaca / Green pass per lavorare: perché in Italia si e all’estero no
Cronaca / Processo Ruby ter, Berlusconi assolto a Siena
Cronaca / Covid, oggi 3.794 casi e 36 morti: tasso di positività allo 0,7%
Cronaca / È arrivato il numero 6 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale