Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

La “Scalinata letteraria” di una scuola elementare per dare speranza ai bambini colpiti dal lockdown

Immagine di copertina

“Il senso del bello è ciò che mantiene viva la curiosità, la meraviglia, lo stupore. La capacità di emozionarsi e di stupirsi davanti alla bellezza. Per fortuna esistono i libri. Ogni pagina di un libro è una scoperta, una magica sensazione che ci travolge proprio come la capacità e la forza di un seme nel diventare un albero secolare. Secolari come le idee di Peppino Impastato e il suo inno alla bellezza, come le idee di Falcone e Borsellino, omaggiati ogni anno in occasione della giornata contro le mafie, purtroppo non celebrata tutti insieme quest’anno a causa del Covid, ma presenti da oggi e per sempre, sulle pareti della nostra scuola”.

“Abbiamo concluso la nostra scalinata letteraria, ogni scalino é la copertina di un libro, con l’augurio che possano  accompagnare i nostri studenti nelle aule scolastiche così come nel percorso di crescita personale e culturale, stimolando in loro l’amore per la lettura e il sapere”: è il messaggio con cui la scuola elementare Ottaviano Bottini di Piglio, un comune della provincia di Frosinone, presenta l’iniziativa della “scalinata letteraria”.

La scalinata letteraria. Credits: Scuola elementare Bottini

“Abbiamo inserito nuovi titoli, alcuni classici, altri contemporanei, affinché sia i piccoli che i grandi lettori non smettano mai di stupirsi e di sorprendersi davanti a nuove scoperte. Abbiamo inserito il libro scritto dai bambini delle classi V delle elementari di Piglio, seguiti dalla loro insegnante di  italiano L. Ceccaroni, insieme allo scrittore Giuseppe Bordi  “Noi, bambini del lockdown”, un collage di pensieri che si fa romanzo. l’emergenza vista dagli occhi dei più piccoli, che offre molti spunti di riflessione soprattutto per gli adulti”, dichiara l’Assessore alla Cultura di Piglio, promotrice della “scalinata letteraria”, Lucia Palone.

“L’universo oscuro” libro di Andrea Cimatti professore di Astrofisica dell’Università di Bologna, nel 2017 vinse il Premio nazionale di divulgazione scientifica e ci proietta nell’affascinante mondo della cosmologia. Non poteva mancare il nostro omaggio a Giuseppe Truini (scrittore della nostra Ciociaria da poco scomparso) alla sua sensibilità, alla sua umanità e ai suoi valori trasmessi a chiunque abbia avuto la fortuna di incontrarlo, come i nostri studenti e abbiamo voluto farlo con il suo “Bapu – riusciremo a raggiungere il mare?”

La scalinata letteraria. Credits: Scuola elementare Bottini

Pelé: una promessa è una promessa” del sociologo Marino D’Amore, “La misura del tempo” di Carofiglio, le “Otto montagne” di Paolo Cognetti, “La tentazione di essere felici” di Lorenzo Marone, “L’ora di lezione” di Massimo Recalcati, “Una partigiana di nome Atina” di Anselmo Roveda, Kobane Calling di Zerocalcare. I grandi classici: Lettere dal carcere di Grasmci, la fattoria degli animali di Orwell, il nome della rosa di Umberto Eco, l’isola di Arturo di Elsa Morante, il vecchio e il mare di Hemingway, il sentiero dei nidi di ragno di Italo Calvino, il partigiano Johnny di Fenoglio e tantissimi altri”, dichiara ancora Paolone.

La scalinata letteraria. Credits: Scuola elementare Bottini

“Ad affiancare gli scalini c’é il discorso ai giovani sulla Costituzione, di Calamandrei in occasione del 25 aprile, I versi poetici di De André, il monito ai giovani della senatrice a vita Liliana Segre, Malala Yousafzai, Greta Thunberg, Rita Levi Montalcini, Frida Kahlo, Dostoevskij, Gramsci, Pasolini, Sepúlveda, Merini, Dante e molti altri – aggiunge l’Assessore – Oggi più che mai abbiamo bisogno di speranza e bellezza. Non c’è posto migliore per appassionare i ragazzi e i bambini alla lettura per un futuro volto all’integrazione. I libri ci danno la forza di resistere e smuovono gli animi per formare una coscienza critica, perché tutto quello che è stato piantato in passato, venga colto e continui a fiorire”, conclude Palone.

“Ritorneremo a essere felici e il nostro sorriso arriverà fino alle orecchie e ci tremeranno le gambe dalla gioia. Ma adesso non é il momento di cantare vittoria. Non ci dobbiamo arrendere, dobbiamo impegnarci, lottare e continuare a sperare, perché un giorno questo momento orribile diventi soltanto un brutto ricordo”. Tratto dal libro “Noi bambini del lockdown”.

Leggi anche: Bambini (e genitori) di nuovo chiusi in casa a un anno dal lockdown. No, non è andato tutto bene

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Jesolo, sesso in spiaggia per una coppia di 20enni: scatta l’applauso dei passanti
Cronaca / 8.085 nuovi casi, 201 decessi: il bollettino
Cronaca / Sallusti si è dimesso da direttore de Il Giornale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Jesolo, sesso in spiaggia per una coppia di 20enni: scatta l’applauso dei passanti
Cronaca / 8.085 nuovi casi, 201 decessi: il bollettino
Cronaca / Sallusti si è dimesso da direttore de Il Giornale
Cronaca / "Beve 7 litri al giorno ma è disidratata": come sta la ragazza vaccinata per sbaglio 4 volte
Cronaca / Ddl Zan, il consigliere regionale leghista chiede alla Madonna di fermare la legge
Cronaca / Muore in un incidente: l'assicurazione risarcisce sia la moglie che l'amante
Cronaca / Roma, ragazzo drogato e violentato da due amici
Cronaca / Calabria, il dramma dei 7mila tirocinanti precari della P.a.: “Noi, ignorati da politica e sindacati”
Cronaca / “Lei consenziente, doveva essere un gioco”: i verbali dell’interrogatorio di Ciro Grillo
Cronaca / Vacanze: ecco i Paesi che accolgono i turisti vaccinati