Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti: il Pd si spacca sull’accordo con la Libia sulla gestione dei migranti

Immagine di copertina

Migranti: il Pd si spacca alla Camera sull’accordo con la Libia

L’accordo con la Libia sulla gestione dei migranti spacca il Pd alla Camera.

In vista della proroga delle missioni internazionale, il cui voto è in programma alla Camera nella giornata di mercoledì 26 giugno, un gruppo di sei deputati democratici, più Liberi e uguali e i Radicali ha chiesto che si voti contro il rinnovo del sostegno alla guardia costiera libica sulla gestione dei flussi migratori.

Tra i deputati contrari all’accordo con la Libia c’è Matteo Orfini, ex presidente del Partito Democratico, il quale ha spiegato su Facebook il perché di tale decisione.

“Credo che gli accordi con la Libia vadano cassati – si legge sul post di Orfini – La Libia è un paese in guerra e rimandarci chi dalla guerra scappa è illegale. Oltre che disumano”.

Orfini è consapevole del fatto che l’accordo con la Libia per contenere il flusso dei migranti è stato sottoscritto dal governo Gentiloni e che per il Pd sarebbe difficile fare un dietrofront su questo tema.

Tuttavia, secondo Orfini gli accordi “non vanno difesi a oltranza” dal momento che le condizioni politiche nel Paese nordafricano sono cambiate.

Per l’ex presidente Pd non “si può fingere di non vedere i lager, le torture, le morti nel Mediterraneo davvero non si può”.

“Anche perché è complicato – aggiunge Orfini – immaginare di essere credibili quando attacchiamo Salvini sulla chiusura dei porti se non mettiamo in discussione l’argomento che usa per chiuderli: ovvero che i profughi vanno affidati alla Libia”.

La posizione di Orfini e degli cinque dem, però, non è stata gradita da Lia Quartapalle e da Marco Minniti, ministro dell’Interno che negoziò gli accordi con la Libia, i quali hanno in una nota hanno risposto ai “dissidenti”.

“Il Pd chiede che l’Italia si assuma le sue responsabilità verso un paese che da solo non può cavarsela. Spiace che Orfini e gli altri colleghi non condividano questo punto di vista” si legge nella nota.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Anguillara Veneta concede la cittadinanza onorararia a Bolsonaro. Scoppia la protesta: “È un assassino”
Cronaca / Rincari record dei carburanti: si alza ancora il prezzo di benzina e gasolio. Diesel ai massimi dal 2014
Cronaca / Le sigarette elettroniche aiutano davvero a smettere di fumare?
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Anguillara Veneta concede la cittadinanza onorararia a Bolsonaro. Scoppia la protesta: “È un assassino”
Cronaca / Rincari record dei carburanti: si alza ancora il prezzo di benzina e gasolio. Diesel ai massimi dal 2014
Cronaca / Le sigarette elettroniche aiutano davvero a smettere di fumare?
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi