Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Oltre 110mila firme per chiedere di conferire la cittadinanza italiana a Patrick Zaky

Immagine di copertina

A un anno dall’arresto di Patrick Zaky, lo studente egiziano dell’Università di Bologna detenuto in Egitto, l’Italia si mobilita con diverse iniziative per la sua liberazione. La più importante viene dal web. Ha infatti superato 110mila firme la petizione online per chiedere la cittadinanza italiana onoraria lanciata sulla piattaforma Change.org da “Station to Station“.

La community è nata da un gruppo di Sardine emiliano-romagnole, che vede in Marina Baldisserri (Imola), Andrea Agresta e Rosella De Troia (Rimini), Moreno Zoli (Forlì), Paolo Cinti (Bologna), Rita Tocco (Maranello) e Cecilia Scolari (Piacenza) gli animatori.

L’associazione, nata per tenere viva la memoria sulla strage del 2 agosto 1980 a Bologna, ha scelto di fare “qualcosa di concreto”, come spiega il portavoce Moreno Zoli, “per essere vicini a Patrick, perché venga liberato e perché possa, al più presto, tornare ad abbracciare la sua famiglia e a proseguire i suoi studi. Il conferimento della cittadinanza italiana sarebbe un segnale fortissimo, sappiamo che la procedura è molto lunga, ma sappiamo che con un gesto super partes potrebbe diventare realtà”.

Il 2 gennaio abbiamo lanciato un messaggio in bottiglia nel mare della rete, e siamo stati travolti da decine di migliaia di firme. Il tam tam della rete ha portato all’interessamento delle reti televisive nazionali, fino ad essere citata ed appoggiata dalla famiglia dello studente Egiziano per voce della sorella Marise, la quale si augura che che questa petizione non rimanga inascoltata, e che possa essere un aiuto per la liberazione del fratello.

Cecilia Scolari, avvocato, spiega come è nata l’iniziativa. “Zaky rappresenta il sogno di futuro che le vittime della strage di Bologna non hanno potuto avere. Vedendo le cittadinanze onorarie che i vari municipi hanno dato a Patrick, abbiamo pensato che se avesse avuto anche la cittadinanza italiana avremmo avuto una leva in più per trattare con Egitto”.

Cecilia, che di professione fa l’avvocato, ha scovato la norma che prevede come il presidente della Repubblica possa conferire la cittadinanza italiana per meriti speciali. Sia a livello lavorativo che sociale. “Salvare Patrick significa iniziare a salvare i sogni e il futuro dei giovani europei, il nostro sogno è che Mario Draghi rappresenti un Italia che in Europa chiede la messa in pratica della Carta dei diritti universali dell’uomo per Patrick”.

“In un periodo di Pandemia e di crisi di governo –  sottolinea Zoli – vedere una partecipazione così massiccia a questa iniziativa ci da ancora più forza a proseguire. Grazie davvero a tutti”.

Leggi anche: Il Comune di Bologna conferisce la cittadinanza onoraria a Patrick Zaky

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Agrigento, l’appello dal letto di ospedale di una no-vax pentita
Cronaca / Green pass: lo avranno anche vaccinati o guariti all'estero
Cronaca / Immunizzato il 61,8% della popolazione italiana
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Agrigento, l’appello dal letto di ospedale di una no-vax pentita
Cronaca / Green pass: lo avranno anche vaccinati o guariti all'estero
Cronaca / Immunizzato il 61,8% della popolazione italiana
Cronaca / Il report dell’Aifa sui vaccini: 16 eventi gravi ogni 100mila dosi somministrate
Cronaca / Imola, violenta la figlia 15enne e la mette incinta
Cronaca / 21 morti e 6.596 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 3,05%
Cronaca / Stella di David all’ingresso del bar: la protesta di un gestore contro il Green Pass
Cronaca / Focolaio di Covid a un matrimonio, almeno 40 invitati positivi
Cronaca / Le lauree che fanno trovare subito lavoro (e guadagnare di più)
Cronaca / Alto Adige, chiuso l’hotel “no mask” a 4 stelle: “Ripetute violazioni delle norme anti-Covid”