Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Nuove regole: per spostarsi nelle regioni rosse e arancioni serve il pass, ma ce ne sono di 3 tipi. Ecco cosa c’è da sapere

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Per spostarsi nelle regioni rosse e arancioni serve il pass, ma ce ne sono di 3 tipi: ecco cosa c’è da sapere

Per gli spostamenti tra le regioni a maggiore rischio di contagio da Covid-19 presto saranno introdotti i “certificati verdi”, un’anticipazione del passaporto vaccinale europeo per entrare e uscire liberamente dagli stati dell’Unione Europea. Secondo la bozza del nuovo decreto che entrerà in vigore lunedì 26 aprile, saranno previsti tre tipi diversi di certificazioni per spostarsi da regioni o province autonome rosse o arancioni, rilasciati in forma cartacea o digitale.

Una sarà riservata a chi ha completato l’intero ciclo di vaccinazione, un’altra ai guariti dalla Covid-19 e la terza a chi ha effettuato il tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti lo spostamento.

Secondo la bozza falsificare i certificati sarà considerato reato, che potrebbe portare anche al carcere oltre a sanzioni amministrative.

Il certificato per l’avvenuta vaccinazione avrà una durata di sei mesi e sarà rilasciato della struttura in cui è stata effettuata la vaccinazione su richiesta del cittadino. All’interno saranno indicati il tipo di vaccino somministrato, il produttore del vaccino e il numero di dosi effettuate rispetto al totale delle dosi previste con la data dell’ultima somministrazione, oltre al paese in cui è stata effettuata la vaccinazione. È infatti possibile ricevere una certificazione anche per vaccini effettuati all’estero purché riconosciuti dall’Unione Europea.

Anche il certificato per la guarigione avrà una durata di sei mesi e sarà rilasciato, su richiesta dell’interessato, dalla struttura ospedaliera presso la quale è avvenuto il ricovero o, per chi non è stato ricoverato, dai medici di base o dal pediatra. Nel certificato viene indicata la data del primo test positivo e il periodo di validità, che si interrompe nel caso venga nuovamente confermata la positività al nuovo coronavirus.

La certificazione per chi ha ricevuto il tampone avrà invece una validità di sole 48 ore e sarà rilasciata, sempre su richiesta del cittadino, dalle strutture sanitarie pubbliche, da quelle private accreditate e autorizzate a fare i tamponi o dalle farmacie. Nella certificazione sarà indicato il tipo di tampone effettuato, il produttore e la data e l’orario di quando è stato raccolto il campione e del risultato del test, oltre al paese in cui è stato effettuato.

In futuro i certificati saranno emessi e validati tramite una piattaforma nazionale DGC (Digital Green Certificate), interoperabile anche a livello europeo. Prima dell’introduzione della piattaforma, saranno considerati validi dalla data di entrata in vigore del decreto le certificazioni rilasciate dalle strutture autorizzate in base alle specifiche indicate nella bozza.

Il nuovo decreto

Il nuovo decreto atteso per oggi dovrebbe prevedere, a partire dal 26 aprile, la riapertura esclusivamente all’aperto di bar e ristoranti a pranzo e cena in zona gialla, oltre alla possibilità di spostarsi tra regioni gialle. Nelle zone gialle e arancioni saranno riaperte scuole e università, mentre in zona rossa torneranno in classe tutti gli alunni fino alla terza media, con le presenze al 50-75% nelle scuole superiori. I musei, i cinema e i teatri riapriranno anche al chiuso in zona gialla e solo all’aperto in zona rossa e arancione. In zona gialla potranno anche riprendere gli sport di squadra e di contatto.

 

Leggi anche: 1. Nuovo decreto, il calendario delle riaperture dal 26 aprile: date e attività  / 2. Johnson&Johnson, l’Ema: “Possibili legami con rare trombosi. Rapporto rischi benefici rimane positivo” /3. Come funziona l’autocertificazione in attesa del pass vaccinale /4. Estate 2021: in spiaggia con le regole Covid del 2020. Ecco cosa prevedono

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Gas, la Russia azzera le forniture all’Italia
Cronaca / Treviso, ruba tre auto e scappa: durante la fuga uccide un ciclista
Cronaca / Maltempo in Sicilia, trombe d’aria e fiumi di fango. Un autobus si ribalta
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Cronaca / Carminati e Buzzi condannati in via definitiva: la Cassazione rigetta il ricorso
Cronaca / Abano Terme, 30enne accoltellato a morte: confessa la fidanzata
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Scuola: algoritmo impazzisce e lascia i supplenti senza posto di lavoro
Cronaca / Svaligiato il ristorante dello chef Cannavacciuolo a Torino
Cronaca / Roma, professore taglia ciocca capelli a ragazza iraniana: “Non sostieni la protesta?”