Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Nuovo decreto, il calendario delle riaperture dal 26 aprile: date e attività

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Nuovo decreto, il calendario delle riaperture dal 26 aprile

Oggi, lunedì 26 aprile 2021, entra in vigore il nuovo decreto anti-Covid che prevede, tra le altre cose, la reintroduzione della zona gialla.

Qui il calendario delle riaperture con le date di ripartenza di ristoranti, locali, cinema, teatri, stadi, palestre, piscine, stabilimenti termali, balneari e parchi tematici. Ecco cosa riapre e quando in zona rossa, arancione e gialla.

• Il 26 aprile: riaprono bar e ristoranti a pranzo e cena “con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto”, ma solo in zona gialla. Ci si potrà anche spostare tra le regioni gialle. I ragazzi e le ragazze delle superiori torneranno in classe al 60 per cento invece che al 50 nelle regioni gialle e arancioni – che sono la stragrande maggioranza – e al 50 per cento nelle regioni rosse. I bambini di nidi, materne, elementari e medie invece saranno tutti a scuola nelle zone gialle. Anche l’Università si prepara a tornare in presenza al 100 per cento. Un obiettivo che realisticamente si realizzerà solo in autunno, anche perché le lezioni negli atenei terminano per lo più nel mese di maggio.

Riaprono i musei, i cinema, i teatri solo all’aperto in zona rossa e arancione, anche al chiuso in zona gialla. Riprendono gli sport di squadra e di contatto, esclusivamente in zona gialla.

• Il 15 maggio: sempre solo in zona gialla, riaprono le piscine all’aperto;

• Il 1 giugno: in zona gialla, riaprono – ma solo a pranzo – anche gli spazi al chiuso dei locali. Riaprono le palestre e, sempre in zona gialla, torna il pubblico negli stadi (massimo 1000 persone) e nei palazzetti dello sport (massimo 500 persone);

• Il 1 luglio: in zona gialla, riaprono fiere, convegni e congressi, centri termali e parchi tematici.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il tribunale di Roma: “Gli immobili dei tedeschi vanno pignorati per risarcire le vittime del nazismo”
Cronaca / Maria Giovanna Maglie ricoverata: “Sono in ospedale da due mesi, fatemi gli auguri”
Cronaca / Napoli, 13enne disabile picchiata da un gruppo di coetanei per un like a un ragazzo
Cronaca / Individuato il camionista che ha investito Davide Rebellin
Cronaca / “I pediatri hanno troppi pazienti”: coppia non riesce a far visitare il figlio di 20 mesi con la febbre alta per una settimana
Cronaca / “Il lockdown lo ha cambiato”: le ombre sulla morte di Riccardo Faggin prima della sua (finta) laurea
Cronaca / Trento, lei vuole lasciarlo e lui tenta di strangolarla: arrestato un 40enne
Cronaca / Covid, la Corte costituzionale salva l’obbligo vaccinale: ricorsi inammissibili e non fondati
Cronaca / Costringono la sorella 15enne a prostituirsi per sfamare la famiglia in Romania: condannate
Cronaca / Allegri, l’ex compagna Claudia assolta: “Non spese per sé i soldi destinati al figlio”