Coronavirus, Papa Francesco: “Cancellare il debito dei Paesi più fragili”

Di Luca Serafini
Pubblicato il 1 Set. 2020 alle 12:47 Aggiornato il 1 Set. 2020 alle 12:49
225
Immagine di copertina
Papa Francesco. Credit: Ansa

“Rinnovo il mio appello a cancellare il debito dei Paesi più fragili alla luce dei gravi impatti delle crisi sanitarie, sociali ed economiche che devono affrontare a seguito del Covid-19”. Lo ha detto Papa Francesco nel suo messaggio pronunciato in occasione della Giornata Mondiale di Preghiera per la cura del creato, che ricorre oggi. Papa Bergoglio ha specificato che “occorre pure assicurare che gli incentivi per la ripresa, in corso di elaborazione e di attuazione a livello mondiale, regionale e nazionale, siano effettivamente efficaci, con politiche, legislazioni e investimenti incentrati sul bene comune e con la garanzia che gli obiettivi sociali e ambientali globali vengano conseguiti”. Per il Pontefice “la disintegrazione della biodiversità, il vertiginoso aumento dei disastri climatici, il diseguale impatto della pandemia in atto sui più poveri e fragili sono campanelli d’allarme di fronte all’avidità sfrenata dei consumi”.

“La pandemia ci ha condotti a un bivio – ha detto Papa Francesco – Dobbiamo sfruttare questo momento decisivo per porre termine ad attività e finalità superflue e distruttive, e coltivare valori, legami e progetti generativi. Dobbiamo esaminare le nostre abitudini nell’uso dell’energia, nei consumi, nei trasporti e nell’alimentazione. Dobbiamo togliere dalle nostre economie aspetti non essenziali e nocivi, e dare vita a modalità fruttuose di commercio, produzione e trasporto dei beni”.

Quanto ai cambiamenti climatici, Bergoglio ha precisato che “occorre fare tutto il possibile per limitare la crescita della temperatura media globale sotto la soglia di 1,5 gradi centigradi, come sancito nell’Accordo di Parigi sul Clima: andare oltre si rivelerà catastrofico, soprattutto per le comunità più povere in tutto il mondo. In questo momento critico è necessario promuovere una solidarietà intra-generazionale e inter-generazionale. In preparazione all’importante Summit sul Clima di Glasgow, nel Regno Unito (COP 26), invito ciascun Paese ad adottare traguardi nazionali più ambiziosi per ridurre le emissioni”.

Un pensiero è stato dedicato dal Pontefice anche alle vittime della tratta e dello sfruttamento del lavoro minorile: “Il Giubileo è un tempo per dare libertà agli oppressi e a tutti coloro che sono incatenati nei ceppi delle varie forme di schiavitù moderna, tra cui la tratta delle persone e il lavoro minorile”.

Leggi anche: Una camera da letto discreta e a mensa insieme: vi racconto da Santa Marta come vive Papa Francesco

225
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.