Arrestato per stupro Paolo Massari, ex assessore all’Ambiente al comune di Milano: accusato da una ex compagna di scuola

La violenza sarebbe avvenuta nella tarda serata di sabato 13 giugno nel box dell'uomo

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 14 Giu. 2020 alle 12:29
1.9k
Immagine di copertina

Arrestato per stupro Paolo Massari, ex assessore comunale di Milano

È stato arrestato per stupro Paolo Massari, giornalista ed ex assessore all’Ambiente del comune di Milano. L’uomo è stato condotto nel carcere di San Vittore nella notte tra sabato 13 e domenica 14 giugno con l’accusa di violenza sessuale. Ad accusarlo, una sua ex compagna di scuola, oggi imprenditrice in franchising. Secondo quanto ricostruito dalla vittima, arrivata alla clinica Mangiagalli di Milano nella tarda serata di sabato, la violenza si sarebbe consumata intorno alle 22,45 nel box di Massari, in via Nino Bixio. La donna ha raccontato di aver chiesto un appuntamento a Massari a causa di problemi di lavoro per via della pandemia di Coronavirus.

I due, quindi, si sono dati appuntamento in un bar per un aperitivo. Successivamente hanno deciso di recarsi in un ristorante per la cena, ma Massari ha prima proposto alla donna di accompagnarlo nella sua abitazione per lasciare lo scooter. Una volta arrivati al box, si sarebbe consumata la violenza. La donna, che stata soccorsa in strada, è riuscita a scappare ed era senza vestiti. Già nel 2010, l’assessore era stato costretto a lasciare il suo incarico a Palazzo Marino per presunte molestie nei confronti di una diplomatica norvegese e su una dipendente del Comune di Milano. A livello giudiziario la vicenda si concluse con un nulla di fatto, mentre sul presunto stupro avvenuto nella notte tra sabato e domenica sono in corso le indagini anche se le accuse vengono definite circostanziate e comprovate.

Leggi anche: 1. Perugia, 15enne denuncia stupro in pieno centro: “Violentata da un amico con cui era andata a bere” / 2. “Quale dei due è stato concepito per stupro?”: bufera su Pro Vita per il post sull’aborto

1.9k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.