Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Il pm Palamara si difende dalle accuse: “Non sono un corrotto”

Immagine di copertina

Caso Palamara, il pm si difende dalle accuse: “Non sono un corrotto”

Palamara si difende dalle accuse – Il pm Palamara, al centro del caso che sta scuotendo la magistratura italiana, si difende: “Non sono un corrotto”.

Il giudice ha presentato una memoria difensiva alla Procura di Perugia, dove è indagato per corruzione, presentando tutti i dettagli delle spese da lui sostenute dal 2011 a oggi.

Il caso Palamara e la bufera che sta scuotendo il Consiglio Superiore della Magistratura

“Voglio dimostrare che non sono e non sarò mai un corrotto. Non ho mai ricevuto favori e non ho mai preso la somma di 40mila euro” così Palamara ai giornalisti.

Il pm, che ha chiesto che il suo nome non venga strumentalizzato, è entrato nel merito delle accuse, spiegando di essere totalmente all’oscuro delle attività del gruppo Amara a cui non ha mai fatto favori.

Palamara non ha negato l’amicizia con Fabrizio Centofanti, il lobbista che secondo l’accusa lo avrebbe corrotto, sottolineando però che Centofanti è amico di molti importanti magistrati.

Il pm ha poi dichiarato che chiarirà anche i rapporti avuti con Cosimo Ferri, Luca Lotti e altre persone, con le quali “viste le cariche che ho ricoperto dal 2008 in poi, ho avuto frequentazioni”.

Nel presentare la memoria difensiva alla Procura di Perugia, l’ex presidente dell’Anm ha scelto di difendersi nel processo “per dimostrare la mia totale estraneità alle gravi ipotesi accusatorie”.

Palamara, poi, ha specificato che nel documento difensivo vi sono diversi documenti che dimostrano che i suoi viaggi, che secondo l’accusa sarebbero stati pagati da Centofanti, sono stati direttamente pagati dal magistrato.

Il pm, poi, si è detto certo di poter chiarire in qualsiasi sede le cene con i politici che sarebbero servite per orientare le nomine negli uffici giudiziari.

Caso Palamara, l’ex magistrato Roberti: “Così il Governo Renzi tentò di influenzare le nomine nel Csm”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Cronaca / “Siamo sicuri che Messina Denaro sia un assassino?”: bufera su un tweet di Vittorio Feltri
Cronaca / Dai peluche ai poster del Padrino e di Joker: le immagini del covo di Messina Denaro | VIDEO
Cronaca / Preferisce il carcere ai servizi sociali: “Riportatemi in cella, lì si fatica di meno”
Cronaca / Alfredo Cospito, udienza in Cassazione anticipata a marzo per le condizioni di salute del detenuto
Cronaca / Pisa, coppia litiga in casa: lui esce in bicicletta, le lo segue in auto e lo investe
Cronaca / A scuola di Grandi opere: “Così Venezia insegna il Mose a New York”
Cronaca / Detersivo al posto dell’acqua, cliente muore dopo 8 mesi di agonia: barista accusato di omicidio