Covid ultime 24h
casi +21.273
deceduti +128
tamponi +182.032
terapie intensive +80

Coronavirus, all’Ospedale di Brindisi chiusi due reparti dopo casi di positività tra gli operatori sanitari

Di Anna Ditta
Pubblicato il 3 Apr. 2020 alle 15:33 Aggiornato il 3 Apr. 2020 alle 17:53
69
Immagine di copertina
Il pronto soccorso dell'ospedale Perrino di Brindisi in una foto d'archivio. ANSA/ ROBERTA GRASSI

Coronavirus, all’Ospedale di Brindisi chiusi due reparti dopo casi di positività tra gli operatori sanitari

Due reparti dell’Ospedale “Perrino” di Brindisi sono stati chiusi dopo che alcuni dipendenti tra i sanitari sono risultati positivi al Coronavirus. Dopo il reparto di Pneumologia, chiuso il 1 aprile, anche il reparto di Chirurgia Generale ha sospeso i lavori dopo che ieri pomeriggio tutto il personale è stato posto in “isolamento domiciliare immediato” e i pazienti trasferiti in altri reparti, secondo quanto riportato in una circolare dell’Asl che TPI ha potuto visionare. La situazione dell’ospedale di Brindisi, dove alcuni sanitari sono ancora in attesa dell’esito del tampone, è stata denunciata in questo approfondimento su Radio radicale di Maurizio Bolognetti, da 12 giorni in sciopero della fame per chiedere attenzione sui temi di “Democrazia, Giustizia, Diritti Umani, Costituzione” durante l’emergenza Covid-19.

“Si comunica che a seguito della positività ai tamponi e la evidenza clinica di infezione da parte di alcuni operatori sanitari, tutto il personale della U.O.C. di Chirurgia generale è stato sospeso dall’attività lavorativa con isolamento domiciliare immediato”, si legge nella circolare. “I pazienti attualmente ricoverati in Chirurgia generale, che sono risultati negativi al tampone orofaringeo dovranno essere trasferiti presso il reparto di Urologia. Stessa cosa per l’intera equipe che ha partecipato all’intervento chirurgico nella notte tra il 31.03 e l’1.04.2020 per una urgenza chirurgica effettuata da un Dirigente Medico chirurgo che il giorno dopo si è assentato per malattia ed è in attesa dell’esito del tampone”.

Già il primo aprile, quattro dipendenti tra i sanitari del reparto di Pneumologia dell’ospedale Perrino di Brindisi erano risultati positivi al Coronavirus, secondo una nota diffusa mercoledì dalla Asl. “La direzione della Asl di Brindisi, su indicazione del medico competente, ha deciso di procedere subito alla sanificazione del reparto”, si legge nella nota. Su quanto accaduto all’interno dell’ospedale la Procura di Brindisi ha aperto un fascicolo di inchiesta, come riporta la stampa locale.

In Puglia si sono registrati finora 2.077 casi positivi di Coronavirus. Dei 131 nuovi contagi riscontrati nelle 24 ore precedenti, 17 erano relativi alla provincia di Brindisi. Dall’inizio dell’emergenza risultano essere stati effettuati 16.654 test, ma come ha sottolineato il governatore Michele Emiliano al momento in Puglia sono realizzabili solo mille analisi giornaliere per accertare il contagio da Covid-19. Il presidente della Regione oggi ha firmato un’ordinanza di requisizione di due macchinari per diagnosticare il Coronavirus, prodotti dall’azienda Masmec di Modugno e destinati alla Regione Veneto.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong / 2. Uno scudo penale per il Coronavirus: nel decreto Cura Italia spunta l’emendamento PD per sanare le responsabilità politiche / 3. Perché il vero numero dei guariti potrebbe essere più basso di quello “ufficiale”

4. Coronavirus, l’Iss: “Il Covid-19 può ripartire in autunno” / 5. “Devo andare dalle mie tre amanti”: le scuse di chi ha violato il divieto di uscire ai tempi del Coronavirus / 6. Il matrimonio salta ma lo celebra il figlio in casa: “Non potevamo far passare questo giorno così”

7. Senna (Lega) a TPI: “Il Coronavirus è la fine di un’era. Il mercato del lavoro cambierà, non solo in Lombardia” / 8. Impennata di casi a Cortina d’Ampezzo, il sindaco: “Fatale quell’ultimo fine settimana sulle piste” / 9. L’Europa chiede scusa all’Italia. Lettera di Von der Leyen: “All’inizio poca solidarietà, ma ora cambiamo passo con la cassa integrazione europea”

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

69
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.