Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Omicidio Lecce, il killer avrebbe ucciso per rabbia: “Una ragazza mi aveva rifiutato”

Immagine di copertina
Antonio De Marco

Si scava, a fatica, nella mente di Antonio De Marco, il il 21enne di Casarano arrestato con l’accusa di omicidio di Eleonora Manta e Daniele De Santis, i due fidanzati di Lecce uccisi il 21 settembre scorso. Riuscire a capire quale sia stato il movente che abbia spinto Antonio a distruggere la vita dei due ragazzi risulta un’impresa ardua e piena di ostacoli, specie perché il killer risponde poco alle domande senza fornire spiegazioni dettagliate.

Ma qualcosa di nuovo potrebbe essere emerso, davanti al giudice per le indagini preliminari Michele Toriello e al pubblico ministero Maria Consolata Moschettini, De Marco ha ripercorso non solo le fasi dell’assassinio, ma anche ciò che lo ha portato, a suo dire, a covare una rabbia apparentemente cieca, una voglia di vendetta sfociata nel delitto. Antonio si era innamorato di una compagna di corso. Un amore non corrisposto, perché quando lui si è dichiarato, lei “mi ha detto che dovevamo restare amici”, riporta il Messaggero.

Anche su questo amore non ricambiato, il ragazzo non sembra voler dire molto. Dopo il “no” della ragazza a una relazione amorosa, i due continuano a frequentarsi in ambiente universitario, anche perché seguono le stesse lezioni e svolgono entrambi il tirocinio all’ospedale Vito Fazzi. E così il gip gli chiede: “Questo può essere stato un ingrediente della tua rabbia? Il fatto di essere stato… neanche respinto, voglio dire, non è che ti ha negato l’amicizia, ti ha detto che non voleva essere fidanzata con te”. “Sì”, risponde De Marco.

In precedenza un altro episodio simile aveva in qualche modo segnato l’anima di un ragazzo che in seguito si sarebbe trasformato in un killer. È il pm Moschettini a farlo venire alla luce. “C’è stata anche un’altra ragazza”, dice De Marco. “Si chiamava Eleonora, tre o quattro anni più piccola”. Lei andava al liceo, lui era già iscritto al corso di Scienze infermieristiche. “Mi sono dichiarato, le ho detto che mi piaceva e…”. Anche qui un no. “Forse ne aveva un altro, stava pensando a un altro, comunque non…”. In tutto l’interrogatorio, in ogni caso, emerge il profondo turbamento vissuto negli ultimi anni da De Marco. In più di un’occasione lui richiama la sua solitudine. “Ricordo molta rabbia, e ogni tanto avevo… non lo so, come delle crisi in cui scoppiavo a piangere all’improvviso”. Crisi ricollegate, dice, “forse al fatto che mi sentivo come vuoto, solo”. Una rabbia incanalata almeno in una occasione in un gesto autolesionistico.

Leggi anche: 1. I bigliettini, la mascherina, la foto Whatsapp: i passi falsi di Antonio De Marco, il presunto killer di Lecce // 2. Omicidio Lecce, la confessione di Antonio De Marco: “Sì, sono stato io. Erano troppo felici” // 3. Lecce, “Il killer deriso dai due in un sms”. Si indaga sul movente della vendetta

4. Chi è Antonio De Marco, il 21enne di Lecce che ha ucciso Eleonora Manta e Daniele De Santis // 5. Duplice omicidio di Lecce, l’autopsia: “Ferocia inaudita contro la donna” // 6. Demonizziamo l’assassino di Lecce senza renderci conto che l’invidia è diventata il motore di quest’epoca

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Proteste no green pass: domani attese 20mila persone a Trieste. Genova, sgomberato presidio al porto
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Proteste no green pass: domani attese 20mila persone a Trieste. Genova, sgomberato presidio al porto
Cronaca / Brescia, 49enne uccide a martellate in strada la ex fidanzata. Poi chiama i Carabinieri
Cronaca / Tragedia sul lavoro a Bologna: operaio di 22 anni muore schiacciato da un camion
Cronaca / Covid, oggi 3.702 casi e 33 morti: tasso di positività allo 0,8%
Cronaca / Attacco hacker alla Siae: rubati i dati degli artisti e chiesto un riscatto di 3 milioni
Cronaca / Madre di due bambini muore per tumore al seno diagnosticato tardi: ginecologa a processo per omicidio
Cronaca / Obbligo vaccinale per personale medico, la sentenza del Consiglio di Stato: “È legittimo”
Cronaca / Falconiere della Lazio fa il saluto romano e inneggia al Duce allo stadio
Cronaca / “Fate girare i nomi degli indagati della morte di Giulio Regeni”. L’appello della famiglia
Cronaca / Chi era Mustapha Manneh, il boscaiolo 32enne morto sul lavoro schiacciato da un albero nel Bellunese