Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:29
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Omicidio Rosa Alfieri, il vicino confessa: “L’ho uccisa io ma non l’ho violentata”

Immagine di copertina

Omicidio Rosa Alfieri, il vicino confessa: “L’ho uccisa io ma non l’ho violentata”

Elpidio D’Ambra ha confessato l’omicidio della vicina di casa Rosa Alfieri, trovata morta martedì scorso nell’appartamento del 31enne a Grumo Nevano, nel napoletano. L’uomo era stato fermato ieri dopo una ricerca durata quasi 24 ore, ha confessato al termine di un lungo e difficile interrogatorio, in cui ha dichiarato di non aver violentato la vittima.

D’Ambra era stato riconosciuto all’ospedale San Paolo, nel quartiere di Fuorigrotta, dove si era recato per un malore dopo aver girovagato per tutta la notte. L’uomo, che era accusato di omicidio volontario, è stato riconosciuto ieri al pronto soccorso grazie alle foto che circolavano sui siti di informazione, facendo scattare la chiamata al 113. Una volta giunti sul posto, gli agenti hanno riconosciuto con certezza il sospettato, poi fermato dai carabinieri.

Il giorno precedente, il corpo della vicina 23enne era stato trovato nel bagno dell’appartamento, che D’Ambra aveva affittato solo due settimane prima da un familiare della vittima. A fare la scoperta erano stati i familiari della ragazza, che non l’avevano più vista rientrare nonostante l’auto fosse parcheggiata nel cortile interno del palazzo. Il padre era inizialmente andato anche a bussare alla casa del vicino per chiedergli se l’avesse vista. L’uomo aveva risposto tranquillamente di “no” alla domanda, ma non si era più fatto trovare. Dopo due ore il padre e altri parenti hanno sfondato la porta dell’abitazione, trovando in bagno il corpo della ragazza privo di vita, con uno strofinaccio in bocca e i vestiti in disordine.

Non sembrano esserci testimoni nella vicenda, dai contorni ancora incerti, né persone che abbiano raccontato di eventuali precedenti incontri tra i due. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, D’Ambra avrebbe attirato la vicina nel suo appartamento ma non è ancora chiaro se l’abbia fatto solo con una scusa o anche con la forza. Gli inquirenti ipotizzavano che D’Ambra potresse anche aver tentato di abusare della ragazza, decidendo di strangolarla di fronte al suo rifiuto. Prima le avrebbe messo lo strofinaccio in bocca, per impedirle forse di urlare. Grida che i vicini hanno confuso con quelle di un bambino che vive nelle vicinanze.

D’Ambra era rientrato da qualche mese dalla Spagna dove aveva vissuto qualche anno, scontando un paio d’anni di carcere per reati legati allo spaccio di stupefacenti.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Ti potrebbe interessare
Cronaca / L'Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Fedez invita Liliana Segre al suo podcast: “Sarei felice di ospitarla a Muschio Selvaggio”
Cronaca / Perdita dell’udito, rash cutanei, orticaria: i nuovi sintomi della variante Omicron
Cronaca / Covid, 30.408 casi e 136 morti: il bollettino di oggi
Cronaca / L’Aquila, auto finisce nel giardino di un asilo: morto un bambino
Cronaca / Ruby ter, la pm: “Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia”
Cronaca / Giornalisti picchiati alla cena della Roma, la società caccia il bodyguard
Cronaca / Suicidio assistito, l'appello di Fabio Ridolfi: "Lo Stato mi aiuti a morire"
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”
Cronaca / Flatulenze al Tg1, la giornalista Mondini: “In ufficio non si respirava, i capi dissero ‘calci in c**o per chi non resta”